5.600 euro a Sgarbi, i grillini: “I soldi dei rossanesi non si buttano dalla finestra”

Advertising

I grillini: il Comune di Rossano non accampi scuse!

“I soldi dei cittadini rossanesi non si buttano dalla finestra”.

Sono queste le parole dei grillini del Meetup Rossano in MoVimento i quali bacchettano il Comune che ha replicato adducendo giustificazioni assurde sulle spese sostenute per l’evento “la costituzione e la bellezza” che ha visto la partecipazione del noto critico Vittorio Sgarbi.

“Innanzitutto sfidiamo il Comune a dimostrare che i costi sostenuti non siano esatti e che siano invece frutto di “imprecisioni demagogiche” come sostenuto nella loro replica. La determina dirigenziale n. 1285 del 22 agosto 2016, che noi peraltro abbiamo trasmesso a tutti gli organi di stampa per completezza di informazione, indica chiaramente che la somma complessivamente spesa per l’evento ammonta ad euro 5.600,00. Quindi, a meno che il Comune non abbia voluto intendere di aver dichiarato il falso su di un documento ufficiale (e non abbiamo motivo di crederlo), quell’importo non può essere smentito da niente e da nessuno.

sgarbaInvitiamo il Comune di Rossano a pubblicare gli estremi del bonifico bancario e la data di versamento attraverso cui avrebbe devoluto la somma di euro 2.000,00 ai terremotati di Amatrice dal momento che stiamo parlando di quattrini pubblici ed è inammissibile venire a conoscenza di che fine abbiano fatto solo dopo che vengono accesi i riflettori della protesta.

Cogliamo inoltre l’occasione per suggerire ai nostri amministratori di evitare questo giro di scatole cinesi perché, se l’intento fosse stato veramente quello (nobile) di aiutare la città di Amatrice, ben avrebbero fatto a versare direttamente la somma senza evitare inutili e dannosi giri a perdere di denaro.

Infatti, da quanto si è appreso dalla replica dell’Amministrazione Comunale, per devolvere la somma di 2.000 euro sono state cedute alla Croce Rossa le 100 copie del libro del prof. Sgarbi acquistate precedentemente per la somma di 2.260 euro. Successivamente la Croce Rossa avrebbe provveduto a vendere le suddette copie ricavandone però appena 2.000 euro che sarebbero poi state devolute al Comune di Amatrice. Il tutto per un investimento complessivo per le tasche dei cittadini di 5.600 euro! Una roba che nessun buon amministratore avrebbe mai concepito.

L’evento poi non ci sembra abbia prodotto  alcun beneficio alla città di Rossano e ai rossanesi ma solo al portafogli del prof. Sgarbi il quale ha fatto ritorno a casa con 2.740 euro di compenso e 100 copie del suo libro vendute.

È evidente infatti che l’evento in questione non aveva affatto come fine la valorizzazione  della nostra città e che con i numerosi like e visualizzazioni che il Comune dichiara di aver ottenuto non si risolvono problemi quali la disoccupazione, la sicurezza e il degrado lamentato dalla nostra città.

Se si vuole investire per promuovere la città di Rossano su scala nazionale si cominci dapprima a garantire i servizi necessari  e condizioni quantomeno normali ai cittadini perché quale spettacolo indecoroso si vorrebbe offrire a chi viene raggiunto dalla “campagna propagandistica di scala nazionale” messa in piedi dal nostro Comune se attualmente la nostra città non ha neppure gli occhi per poter piangere?

Meetup Rossano in MoVimento – Amici di Beppe Grillo