Falso invalido scoperto dopo 16 anni nel Crotonese

Advertising

Un 66enne deferito dai carabinieri nel Crotonese. Simula disturbi psichici e ottiene la pensione di invalidità truffando lo Stato per oltre 153mila euro 

Per 16 anni avrebbe riscosso indebitamente la pensione da invalido, truffando lo Stato per oltre 153.000 euro, ma è stato scoperto dai carabinieri. Protagonista della vicenda è un uomo di Roccabernarda, centro del Crotonese. L’uomo, R.M., di 66 anni, è stato denunciato dai militari della Compagnia di Petilia Policastro per truffa ai danni dell’Inps.

Indagini e pedinamenti avrebbero consentito agli inquirenti di accertare che l’uomo ha percepito per circa sedici anni una pensione mensile di invalidità al cento per cento, con il riconoscimento dell’ulteriore contributo per il diritto di accompagnamento, riscuotendo indebitamente una somma quantificata complessivamente in 153.000 euro circa. Le verifiche sono iniziate nello scorso mese di febbraio. e R.M., simulando disturbi psichici ed altri problemi, sin dall’anno 2000 ha prodotto certificazioni sanitarie non veritiere inducendo in errore l’istituto di previdenza sociale.

Nel corso delle visite mediche a cui è stato sottoposto, l’indagato avrebbe abilmente manifestato comportamenti paranoici e disturbi visivi di gravità tale da impedirgli di muoversi autonomamente. Durante i pedinamenti svolti dai militari della Compagnia di Petilia Policastro, l’uomo, invece, sarebbe stato più volte fotografato alla guida della sua autovettura, da solo e senza l’ausilio di lenti da vista, mentre compiva con disinvoltura manovre difficili ed inversioni di marcia in strade strette.

Nel 2015, inoltre, era riuscito ad ottenere il rinnovo della propria patente di guida senza prescrizioni, dichiarando di non essere invalido civile, di non essere affetto da patologie psichiche e di essere perfettamente in grado di vedere.