A3 bloccata dalla neve, Tansi: “La colpa è stata solo dell’ANAS”

Advertising

“La richiesta dei Pm di rinviare a giudizio i dirigenti ANAS per i disagi creati a migliaia di automobilisti intrappolati il 19 gennaio scorso sulla autostrada A3 a seguito della nevicata del gennaio scorso, legittima e consolida la credibilità della Protezione civile della Regione che in quella circostanza, oltre ad avere previsto la nevicata con due giorni di anticipo, aveva messo a disposizione tutti i suoi mezzi e suoi uomini migliori, impossibilitati ad accedere alla A3, di esclusiva competenza dell’ Anas”.

Lo sostiene, in una dichiarazione, il responsabile della Protezione civile regionale, Carlo Tansi.

“Nonostante l’A3 non fosse di sua competenza, come è accaduto anche in altri contesti, al di là delle responsabilità – aggiunge Tansi – la Protezione civile regionale è generosamente intervenuta, con spirito di servizio, a tutela dei calabresi.

La richiesta del Pm mette la parola fine alle sterili e strumentali polemiche, di matrice politica, che hanno tentato, invano, di delegittimare la Protezione civile regionale, il cui costante impegno quotidiano per contrastare le calamità naturali e antropiche che affliggono la regione a più alto rischio d Italia è, nei fatti, sotto gli occhi di tutti i calabresi”.