A3, Piano di Manutenzione: l’Anas aggiudica i primi lavori per le tratte calabresi

Advertising

E’ stata aggiudicata una prima parte degli interventi relativi al Piano di Manutenzione delle tratte calabresi dell’autostrada A3 “Salerno-Reggio Calabria”: gli esiti dei primi cinque accordi quadro – 5 milioni di euro ciascuno, per un investimento complessivo di 25 milioni di euro – sono stati pubblicati da Anas sulla Gazzetta Ufficiale di oggi, venerdì 9 settembre 2016.

Tramite questi accordi quadro prenderanno il via, già nel mese di settembre, i primi lavori che verranno completati entro il prossimo mese di dicembre – in un tratto comunque già caratterizzato da quattro corsie e a standard autostradale – relativi al rifacimento della pavimentazione stradale, al rifacimento della segnaletica verticale ed orizzontale, oltre che all’adeguamento ed al miglioramento delle opere idrauliche di drenaggio delle acque di piattaforma.

Nel dettaglio, il primo appalto riguarda la tratta compresa tra Morano Calabro e Firmo/Sibari dal km 195,500 al km 185,000 (carreggiata nord, Lotto 4) ed è stato aggiudicato all’impresa Costruzioni Zinzi S.r.l. con sede in Catanzaro; il secondo appalto attiene alla medesima tratta dal km 207,500 al km 195,500 (carreggiata nord, Lotto 3) ed è stato aggiudicato all’impresa Sposato Costruzioni S.r.l. con sede in Cosenza.

Il terzo appalto attiene alla tratta Cosenza Sud-Altilia dal km 267,240 al km 259,700 (carreggiata nord, Lotto 6) ed è stato aggiudicato alla Associazione Temporanea d’Imprese Stradedil S.r.l. – Crovetti Dante S.r.l. con sede in Palagano (MO); il quarto appalto riguarda la medesima tratta dal km 286,000 al km 259,700 (carreggiata nord, Lotto 2) ed è stato aggiudicato alla Associazione Temporanea d’Imprese Ma.Gi.Sa. S.r.l. – Rossi & C. S.r.l. con sede in San Lorenzo del Vallo (CS).

Infine, il quinto appalto riguarda il tratto compreso tra Pizzo Calabro e Sant’Onofrio dal km 337,800 al km 348,600 (carreggiata sud, Lotto 1) ed è stato aggiudicato al Consorzio Stabile Ecit con sede in Roma.

Gli interventi sono stati scrupolosamente programmati da Anas al fine di ridurre al minimo i disagi per il traffico.

Allo scopo, l’Azienda ha quindi scelto di procedere all’attuazione del Piano attraverso singoli interventi, dai limitati tempi di realizzazione; l’esecuzione dei lavori renderà necessaria l’istituzione di restringimenti della carreggiata stradale, evitando quindi – tranne in rari indispensabili casi – la chiusura di tratti di autostrada.

Durante l’esecuzione delle lavorazioni più complesse, quali ad esempio quelle di risanamento profondo della sovrastruttura stradale, è possibile che i cantieri vengano installati lungo una intera carreggiata, con l’adozione di un doppio senso di circolazione sull’altra libera dai lavori, al fine di accelerare la realizzazione degli interventi e di ottenere un maggior livello di sicurezza dei cantieri.