Aeroporti di Calabria, giochi di potere

Advertising

Sospendere immediatamente il bando per la concessione della gestione dello scalo “Sant’Anna”. È quanto chiesto, in una lettera, dal sindaco di Crotone Ugo Pugliese ai vertici dell’Enac, che rivendica il ruolo portato avanti finora dalla città per salvaguardare lo scalo aeroportuale cittadino.

Una richiesta che suona come una dichiarazione di guerra, in uno scontro – quello legato alla gestione dell’aeroporto pitagorico – che vede coinvolti gruppi privati e pubblici pronti a fronteggiarsi per raccogliere il timone lasciato dall’ “Aeroporto Sant’Anna spa”, fallita dopo anni di gestione dello scalo crotonese.

Nel mirino del sindaco la scelta dell’Ente di mettere a bando l’affidamento non esclusivo dello scalo di Crotone ma congiunto a quello di Reggio. Una scelta di cui tra l’altro non sarebbe stato informato.
I giochi sul futuro degli scali aeroportuali calabresi, dunque, sono aperti. Sul Sant’Anna e sul Tito Minniti di Reggio si registra anche l’interessamento della Sacal, che gestisce lo scalo aeroportuale di Lamezia Terme.

Ma sul futuro dei due scali già nel mesi scorsi si era mosso qualcosa, con i vertici del gruppo iGreco che non avevano nascosto l’interesse per lo scalo pitagorico. Insomma, tante manifestazioni d’interesse, ma al momento pochi progetti concreti. Il tempo scorre inesorabile e salvare i due aeroporti diventa sempre più difficile.

Fonte: newsandcom