“Alchemia”, spunta anche l’appalto delle pulizie all’Unical vinto dalla ‘ndrangheta

Advertising

Le pulizie all’Unical erano in mano alla ‘ndrangheta.

Di questo sono convinti i pm antimafia di Reggio Calabria, Giulia Pantano e Roberto Di Palma, che hanno trovato materiale scottante anche sull’ateneo di Arcavacata. E tra le quasi 2 mila pagine dell’ordinanza spuntano gli interessi della cosca Gagliostro-Parrello, attiva a Palmi, ma con ramificazioni in Liguria, Piemonte e Lazio, sull’appalto per le pulizie dell’Università della Calabria.

“… L’indagine ha poi permesso di accertare – scrive il gip – che tra il febbraio ed il marzo del 2012, Candeloro Cagliostro (arrestato nel blitz dell’operazione Alchemia ndr), con la sua azienda Euroservizi 2000 – per il tramite del Consorzio gestito da Giampaolo Sutto e Massimiliano Corsetti – fosse riuscito ad insinuarsi nell’appalto pubblico delle pulizie all’Università di Rende, in provincia di Cosenza.

La Euroservizi infatti non era in possesso dei requisiti per partecipare a gare d’appalto, ma grazie al Consorzio di Sutto e Corsetti – e quindi allo schermo di altra struttura imprenditoriale – aveva potuto di fatto aggiudicarselo. Nel caso concreto, sono stati proprio Sutto e Corsetti a partecipare alla relativa gara di appalto, aggiudicandosi la commessa e facendola gestire al Gagliostro, che peraltro nelle sue aziende ricorreva al lavoro nero. Come detto, tale raffinato sistema era vantaggioso sia per la cosca Gagliostro-Parrello, che per i manager al vertice dei Consorzi, a scapito dei lavoratori”.