Antonio nel cuore. Oggi il ricordo dei familiari e degli amici

Advertising

Antonio Vetere avrebbe compiuto 23 anni proprio oggi, il 3 settembre.

Purtroppo il destino con lui è stato beffardo. Antonio era alla guida di una delle auto che si è scontrata frontalmente sulla statale 107 all’altezza di Rende la mattina di Ferragosto. 

Ad Antonio è stata fatale quella maledetta striscia rendese, che già tante vittime ha fatto senza che a nessuno dei nostri amministratori sia mai venuto in mente di porvi rimedio. Niente da fare.

Si era diplomato alla Ragioneria “Pezzullo” di via Popilia, così come aveva fatto suo padre Romualdo, agente e rappresentante di commercio molto conosciuto e benvoluto in città. E poi aveva proseguito gli studi iscrivendosi all’Università della Calabria e presto si sarebbe anche laureato. A giugno aveva superato l’esame di Chimica e si stava preparando per la tesi.

Antonio Vetere
Antonio Vetere

Antonio era un ragazzo dalle mille risorse e dai mille interessi e spesso collaborava con la nota azienda immobiliare Gabetti. Si stava preparando un futuro lavorativo per il post-laurea. Era un ragazzo intraprendente.

Gli piaceva divertirsi, come a tutti i ragazzi, e frequentava anche i locali, le discoteche. E stava rientrando proprio da una discoteca del Tirreno quella maledetta mattina di Ferragosto.

In occasione del 23° compleanno di Antonio Vetere, oggi, giorno 3 settembre, a partire dalle ore 17 a Rende presso il campo sportivo “Giovanni Salerno” (ex Cancellese) si svolgerà un quadrangolare di calcetto in suo onore denominato semplicemente “Antonio nel cuore”.

Successivamente la serata continuerà in compagnia di coloro i quali hanno avuto il piacere e l’onore di conoscerlo.