Area urbana, la Manzini e Spagnuolo arrestano 4 “ragazzi fuori”

Advertising

Una rete di pusher che spacciavano droga – in particolare cocaina, marijuana e hashish – tra Rende, Montalto Uffugo, Luzzi e Lattarico: un giro d’affari che si stima aggirarsi intorno ai mille euro al giorno.

Quattro giovani sono così finiti in manette e sottoposti ai domiciliari. Le misure, emesse dal Gip di Cosenza Giuseppa Ferrucci, hanno raggiunto C.G. (di 28 anni); V.A. (32); C.L. (21) e V.F. (23) che sono accusati di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione che ha portato all’arresto, scattata stamani e denominata “Ragazzi Fuori”, è stata eseguita dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rende, con la collaborazione dei militari del Comando Compagnia e del Nucleo cinofili di Vibo Valentia.

Le investigazioni, che sono iniziate nel mese di marzo e si sono concluse nel settembre scorso, sono partite dal ritrovamento ad un giovane tossicodipendente della zona di un consistente quantitativo di cocaina che era destinato all’uso personale.

Il prosieguo delle indagini, dirette dall’Aggiunto, Marisa Manzini, e coordinate dal Procuratore Capo, Mario Spagnuolo, ha consentito di scoprire la presunta rete di spacciatori attiva nei quattro comuni del cosentino, e nel complesso, ha portato inoltre all’arresto, in flagranza di reato, di una persona; alla denuncia in stato di libertà di altre quattro; alla segnalazione alla Prefettura di altre otto come assuntori di stupefacenti, e al sequestro di diversi grammi di cocaina, hashish e marijuana.