Asp, l’ex commissario Filippelli indagato per abuso d’ufficio

L'ex commissario dell'Asp Gianfranco Filippelli
Advertising

Gianfranco Filippelli è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Cosenza per il reato di abuso d’ufficio, ai sensi dell’art 323 del codice penale.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto della Repubblica di Cosenza, Marisa Manzini, e si riferisce, in questa fase, alla vicenda che ha riguardato il giornalista Mario Campanella.

Manzini-Marisa

L’ipotesi di reato parte dalla delibera del 7 ottobre scorso nella quale Filippelli revocò la conciliazione giudiziaria firmata dinanzi al giudice del lavoro di Cosenza tra lo stesso Campanella e il direttore facente funzioni dell’Asp, Luigi Palumbo, nella quale si riconosceva al giornalista il diritto alla stabilizzazione in cambio della rinuncia ad ogni pretesa economica per decine di migliaia di euro.

A seguito di quella delibera, infatti, Campanella ha impugnato l’atto e ha sporto denuncia.

La conciliazione legale fu attivata dopo che il Tribunale di Roma, qualche mese prima, aveva dato ragione all’Inpgi, contro la stessa Asp, condannando l’azienda al pagamento di circa 30 mila euro di contributi poiché le prestazioni di Campanella erano state riconosciute come subordinate.

Una conciliazione che lo stesso Filippelli aveva confermato con un atto del 24 giugno, come si legge nella stessa delibera del 7 ottobre, salvo poi revocarla.

Filippelli è stato sostituito il 30 dicembre scorso da Oliverio, che ha nominato al suo posto come direttore generale Raffaele Mauro.