Banca Carime, prevista la chiusura di 5 sportelli in Calabria

Advertising

“Le misure annunciate da Ubi colpiranno in modo particolare, come già avvenuto in passato, il Sud”.

Lo sottolinea il vicesegretario generale Area Sud di Unisin del Gruppo UBI Banca, Gianfranco Suriano.

“Gli interventi preannunciati -riferisce Suriano- evidenziano il solito comune denominatore, la chiusura di sportelli in Banca Carime, la Banca meridionale del Gruppo. Infatti, sono ben 11 gli sportelli che chiuderanno i battenti: 1 in Campania, 1 in Basilicata, 4 in Puglia e 5 in Calabria. Quest’ulteriore manovra di smobilitazione segue la chiusura, avvenuta nel 2012, di altri 24 sportelli nei territori meridionali. In pratica, dal 2006 ad aprile 2016, la rete sportellare di Banca Carime passerà da 325 sportelli a 233.

Basta tale dato -aggiunge ancora- per evidenziare come la Banca meridionale del Gruppo Ubi abbia subito un vera e propria spoliazione della propria capacità produttiva. La tanto sbandierata politica d’investimento anche sui territori meridionali da parte di Ubi, finalizzata a recuperare e consolidare il ruolo di Banca di riferimento a 360 gradi, è rimasta solo una intenzione” conclude il sindacalista.