Basso Ionio, venerdì la “Marcia per la terra e per la salute”

Advertising

COORDINAMENTO dei COMITATI del BASSO IONIO

(Provincia ionica cosentina e Alto crotonese)

Comunicato stampa del 26 luglio 2017

VENERDÌ 28 LUGLIO LA “MARCIA PER LA TERRA E LA SALUTE”, PER DIRE NO ALL’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA DI SCALA COELI E SALVARE LA VALLE DEL FIUME NIKA

Tante adesioni alla “marcia” sulla 106, promossa dai Comitati del Basso Ionio

Sarà una manifestazione pacifica, la “marcia lenta” di automobili e mezzi agricoli sulla Statale 106, che i Comitati del Basso Ionio hanno organizzato per il prossimo 28 luglio, per chiedere alla Regione Calabria e al Governatore Oliverio di esprimere il proprio diniego all’ampliamento della discarica privata per rifiuti speciali situata nel territorio di Scala Coeli, mantenendo fede all’impegno assunto, di realizzare in Calabria l’obiettivo politico “discariche zero”.

L’evento, infatti, non vuole essere “contro” gli organismi regionali, con i quali si è stabilito un proficuo dialogo che si intende sempre più rafforzare, ma è per stimolare una risposta rapida e positiva, che vada in direzione della tutela dei territori, dell’ambiente e di una reale possibilità di progresso del Basso Ionio.

Ci saranno Amministratori comunali, agricoltori, operatori commerciali e turistici, associazioni culturali, ambientaliste e di categoria (in prima fila Legambiente, Italia Nostra, Cia e Coldiretti); rappresentanze delle forze produttive e sociali, di partiti politici, studenti e tanti cittadini, a dire no a un progetto scellerato, che potrebbe danneggiare gravemente la Valle del Fiume Nika, oasi naturalistica ricca di corsi d’acqua e cuore agricolo di diversi paesi (Crucoli, Umbriatico, Terravecchia, Scala Coeli), dove abbondano colture biologiche, Dop e Igp e allevamenti di bovino podolico.

Le numerose adesioni (previste presenze di tutto il territorio, da Sibari a Crotone), dimostrano, infatti, il chiaro intento di affermare il valore della “Terra” da coltivare, valorizzare e custodire per le nuove generazioni, e della “Salute” come diritto imprescindibile, connesso alla vivibilità dei luoghi.

La gigantesca discarica che si vuole costruire, potrebbe nuocere a tutto questo, al turismo e allo sviluppo di un territorio già depredato di diritti e di servizi e mortificato dall’abbandono; la richiesta al Presidente Oliverio è, infatti, anche quella di bonificare l’intera area attualmente adibita a discarica e porre fine allo scempio.

Gli slogan “il territorio prima di tutto” , “non siamo la pattumiera d’Italia”, “ sì alla bellezza, no alla monnezza” saranno scanditi durante il corteo, che muoverà proprio dalla Valle del Nika. Alle 9.00, infatti, è previsto il concentramento di automobili e mezzi agricoli sulla SP1 (presso pista go-kart territorio di Crucoli). Il percorso si snoderà sulla Statale 106 Ionica verso Torretta, con attraversamento del centro abitato fino al bivio per Crucoli-Manipuglia; proseguirà, poi in direzione inversa, sempre sulla statale, con breve sosta sul ponte del fiume Nika. Si continuerà verso Nord, percorrendo tutto il tratto cariatese fino al bivio per Scala Coeli.

La manifestazione terminerà con interventi e dibattito nel piazzale dell’ex ospedale di Cariati, luogo-simbolo di diritti negati e dei presidi di resistenza tenuti nelle scorse settimane dai comitati attraverso sit-in informativi e una raccolta firme (effettuati anche nelle località del comprensorio), che hanno dato grandi risultati di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini.

Occorre, infine, rilevare, il grande entusiasmo della vigilia, che i Comitati (di Crucoli, Cariati, Rossano, Terravecchia, Scala Coeli), continuano a registrare tra cittadini residenti, emigrati e turisti nonostante qualche maldestro tentativo di ostacolare il successo evidente della mobilitazione. La “Marcia per la Terra e la Salute”, precisano gli organizzatori, vuole lanciare un grido d’allarme di fronte al pericolo di un ulteriore scempio e, soprattutto, affermare la dignità di un territorio come il Basso Ionio, che ha bisogno di tutela, diritti, giustizia e soprattutto di ascolto.

Il COORDINAMENTO dei COMITATI del BASSO IONIO