Bergamini, 20 anni di omertà. Le chiavi le conservo io: ciao Dè, ma quando sei nato? (di Donata Bergamini)

Gianluca Tiesi
Advertising

di Donata Bergamini

Denis, il giorno del compleanno è un giorno speciale da festeggiare, noi non abbiamo potuto festeggiarlo perché:
1. qualcuno ha detto che la tua storia è una fiction e quindi se la tua storia è una fiction anche la tua nascita è stata una fiction.
2. qualcuno ha dichiarato cose da ufo sulla tua morte quindi anche l’addetto dell’ufficio anagrafe era sull’astronave il 18 settembre 1962 quindi ha sbagliato a registrarti
3. qualcuno ha mentito sulla tua morte perché sconvolto quindi anche l’ostetrica ha mentito sulla tua nascita perché era stressata
4. qualcuno forse pensava pure che non ci fosse la tua bara nel loculo oppure che qualcuno di noi fosse venuto a dormire con te oppure a prelevarti, stranamente in quella bara tu c’eri eccome se c’eri protetto dalle sciarpe dei tuoi Tifosi sigillato e protetto da un muro costruito con mattoni pieni.

SIAMO PARTITI DAL LOCULO DOPO QUASI 28 ANNI.
I primi periti che sono intervenuti sono stati:
Ing. Riccardo Pocaterra per conto delle parti offese
Dott. Gianluca Tiesi CTP di Isabella InternòQuel giorno i periti erano tanti, a parte il Dottor Tiesi che tu conoscevi e anch’io perché allora fidanzato della sorella e oggi cognato della Internò Isabella, tutti gli altri per noi erano sconosciuti.
In quella bara tutti hanno visto che c’eri e che il tuo corpo non era come avevano scritto: questa non è una fiction ma verità.
Davanti al tuo corpo che parlava qualcuno ci ha costretti prima a vivere nelle sabbie mobili poi sopravvissuti condannati all’ergastolo, ma io sono qua DE’ con le chiavi in mano, le conservo tutte io le chiavi di noi familiari, a ciascuno consegnerò la chiave della cella che merita in base alla propria responsabilità, non c’è più spazio in questo omicidio per chi non ha coraggio, per chi è corrotto, per chi vuol depistare, per chi vuol insabbiare, per chi ha mentito. Le conseguenze di 28 anni di lotta per una giustizia negata che ci stiamo portando sulle spalle sono disumane, ma continueremo con dignità e fermezza con il nostro Avvocato Fabio Anselmo perché è inaccettabile non ascoltare i corpi che parlano e condannare i familiari delle vittime.
Ciao Dè, ma quando sei nato?
Ciao campione batti 5 !!!!