Bruciata l’auto dei familiari di Antonio Taranto

Antonio Taranto
Advertising

Nella notte tra venerdì e sabato qualcuno ha bruciato l’auto dei familiari di Antonio Taranto.

Si tratta del ragazzo 26enne ucciso il 29 marzo dell’anno scorso a via Popilia e per l’omicidio del quale è indagato Domenico Mignolo, ritenuto appartenente al clan Rango-Zingari e in carcere anche per altri reati.

La vettura è una Fiat Coupè utilizzata dalla sorella e dal fratello di Antonio Taranto ed era parcheggiata all’ultimo lotto di via Popilia da qualche settimana.

I carabinieri non hanno diffuso subito la notizia, probabilmente per avviare attività investigative, e hanno deciso di sdoganarla pochi minuti dopo le 13.

E’ chiaro che il gesto intimidatorio è diretto ai familiari di Taranto. Probabilmente qualcuno non ha “gradito” determinati movimenti che hanno fatto. E potrebbe essere scattato l’avvertimento.