Caro Giancarlo, benvenuta Ginevra… (di Giorgio Marchese)

Advertising

Oggi è il primo compleanno della figlia di Mimmo e Alessandra Esposito, Ginevra. Ho pensato di scrivere due righe, ricordando Giancarlo, il bimbo di 4 anni lasciato morire annegato nella piscina comunale di Campagnano.

di Giorgio Marchese

CARO GIANCARLO, BENVENUTA GINEVRA…

Nella memoria di chi ti vuole bene, sei divenuto un simbolo privilegiato e trascendente, capace di fermare nel Tempo (e per sempre) l’immagine di giovane e forte bellezza. Che, nessuno, può fare avvizzire. Ed è per questo che ti chiedo di badare a tua sorella, il cui nome identifica purezza e che compie, oggi, il suo primo anno di vita…

AUGURANDOLE una strada lunga e fertile di avventure ed esperienze senza temere il Male perché, quando il pensiero resta alto e l’animo fermo, niente potrà esser di danno.
AVVISANDOLA del fatto che la cosa più importante resta il vivere “pasteggiando”, con cura, ogni attimo… senza affrettare il viaggio.
INVITANDOLA a colorare il suo cuore di emozioni variopinte, senza aspettare che siano gli altri, a “colorare” per lei.
SPIEGANDOLE che la Vita ti spinge ad “andare” ma non ti fa promessa alcuna: sei tu che, semmai, devi evitare di tradire te stesso.

CARO GIANCARLO, PROTEGGILA, soprattutto, dalla delusione dello scoprire la povertà del Mondo e TRASFONDILE la tranquillità che deriva dal capire che, la vera ricchezza, è quella che nasce da dentro per potere, poi, essere donata.

GRAZIE, GIANCARLO e LUNGA VITA A GINEVRA!