Catanzaro, concorso Pronto soccorso: la replica di Perri a Parentela

Advertising

ASP CATANZARO: IL DG PERRI CHIARISCE ALL’ON. PARENTELA LE PROCEDURE SUL CONCORSO PRONTO SOCCORSO

(ASP) – Catanzaro, 17 novembre 2016 – In riferimento a quanto dichiarato da Paolo Parentela, in merito all’avviso pubblico per il conferimento dell’incarico di direttore dell’Unità Operativa Complessa “Pronto Soccorso”, il direttore generale dell’ASP di Catanzaro Giuseppe Perri, ha scritto una lettera indirizzata allo stesso Parentela e per conoscenza al Commissario per il Piano di Rientro Massimo Scura e al procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro Nicola Gratteri.

Di seguito si riporta la lettera integrale del direttore generale dell’ASP di Catanzaro.

In relazione alla Sua richiesta di urgente rettifica dell’avviso pubblico in oggetto, mi preme rassicurarLa che i comportamenti assunti dall’Azienda sono in perfetta aderenza alle disposizioni normative che regolano la materia e sono improntate sui principi della trasparenza e dell’imparzialità dell’azione amministrativa.

Difatti, l’Azienda ha rispettato le previsioni del decreto del commissario ad acta n. 80 del 22 luglio 2016 con il quale sono state approvate le linee di indirizzo per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per la dirigenza medica, veterinaria e sanitaria nelle aziende del S.S.R.

Dette linee guida hanno modificato la parte relativa alla predeterminazione dei punteggi delle due macro aree di valutazione (curriculum e colloquio) stabilita dal precedente D.C.A. n. 112/2015, nella considerazione che “la tassativa predeterminazione dei punteggi è da ritenersi invasiva della autonomia delle direzioni aziendali e potrebbero non essere rispondenti alla necessità di differenziare le procedure di valutazione, tenendo nella dovuta considerazione l’incarico da conferire.”

L’Azienda, sempre in ottemperanza al citato D.C.A. n. 80 e avvalendosi delle prerogative ivi previste, ha stabilito nell’avviso pubblico i punteggi massimi da attribuirsi alle due macro aree (curriculum e colloquio).

Le procedure concorsuali sono proseguite con le operazioni di sorteggio condotte dalla commissione all’uopo costituita che il 25 ottobre u.s., in seduta pubblica, chiedendo tra i presenti la disponibilità del segretario regionale del Tribunale dei Diritti del Malato, ha provveduto a sorteggiare i componenti delle commissioni di valutazione dagli elenchi nazionali dei direttori di struttura complessa, rinvenibili sul sito web del Ministero della Salute.

Per l’incarico di direttore dell’Unita operativa complessa “Pronto Soccorso” sono stati sorteggiati quali componenti della commissione il direttore di struttura complessa dell’Ausl della Romagna, il direttore di struttura complessa dell’A.D. San Carlo di Milano e il direttore di struttura complessa dell’A.D. Ospedale Civile-Vimercate, ai quali è già stata chiesta la disponibilità a partecipare”.