Catanzaro, M5S presenta l’esposto a Gratteri: “Scura e Urbani, ora tocca alla procura”

Advertising

Comunicato stampa

«La Cardiochirurgia universitaria di Catanzaro non ha il possesso dei requisiti di legge per l’attività».

Lo affermano in una nota i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, il quale si è personalmente recato nel reparto, insieme al consulente Gianluigi Scaffidi, compiendo una nuova ispezione che smentisce la recente delibera con cui l’Asp di Catanzaro ha certificato il possesso dei requisiti.

«Da qui – spiegano i 5 stelle in un’apposita  conferenza stampa – le ragioni del nostro specifico esposto al procuratore Nicola Gratteri, in cui abbiamo precisato che la Cardiochirurgia universitaria non ha ancora una terapia intensiva dedicata, non ha  due sale operatorie dedicate ai soli pazienti cardiochirurgici, benché obbligatorie, ha 14 infermieri sui 29 imposti dalla normativa e non ha un percorso e delle procedure dedicati per la rianimazione».

Scura e Urbani
Scura e Urbani

«I commissari Scura e Urbani sapevano – proseguono i due deputati – delle verifiche in corso da parte della commissione dell’Asp di Crotone e hanno revocato la procedura attivata soltanto all’esito sfavorevole. Conferma appieno le nostre ragioni e smentisce tutto l’apparato dell’insabbiamento e della menzogna la recente realizzazione di una vetrata per isolare i pazienti cardiochirurgici nella terapia intensiva generale del policlinico universitario di Catanzaro».

«Adesso sarà la Procura di Catanzaro – sottolineano i parlamentari 5 stelle – ad esaminare le carte e accertare i fatti. La verità è chiara».

Con lo stesso Scaffidi e con il consulente Tullio Laino, i parlamentari 5 stelle hanno illustrato gli altri due esposti alla Procura di Catanzaro: uno sul falso materiale prodotto nella struttura commissariale riguardo alla costituzione in giudizio della Regione Calabria contro alcuni municipi in fatto di rete ospedaliera, l’altro sul recente decreto commissariale che ha modificato la normativa sull’autorizzazione e l’accreditamento delle strutture sanitarie.