Cerisano, qual è la verità sul progetto eolico?

L'ex vicesindaco Ivan Greco
Advertising

Sul progetto eolico di Cerisano

Egregio Direttore,

ho letto sul sito una nota firmata riguardante il progetto eolico su Cerisano. Nell’articolo si fa un po’ di confusione, mettendo in mezzo vicende elettorali che nulla hanno a che fare con il progetto Enel.

Vorrei se possibile approfittare dello spazio che vorrà riservarmi per fare chiarezza sulla questione. Il progetto eolico è stato ed è fortemente voluto dall’ex sindaco Salvatore Mancina, attualmente ricandidato alla carica di sindaco. Rispetto al progetto sono state avanzate forti critiche da un nutrito gruppo di cittadini di Cerisano e dell’ area urbana cosentina, posto che l’impianto per come ubicato sarebbe devastante dal punto di vista dell’impatto paesaggistico per tutta l’area urbana cosentina.

L'ex vicesindaco Ivan Greco
L’ex vicesindaco Ivan Greco

Sono stato fortemente contrario all’approvazione del progetto – ripeto voluto con tenacia dall’allora sindaco Mancina – e continuerò ad esserlo a prescindere dal colore politico della prossima amministrazione comunale. Nessun dubbio da parte mia sulla posizione da mantenere; sono certo che sull’argomento nessun dubbio hanno Roberto Muoio e Lucio Di Gioia, avendo loro espresso qualche giorno fa in pubblica piazza la loro posizione contraria al progetto.

ivan1Spero che lo stesso faccia pubblicamente Salvatore Mancina e chiarisca fino in fondo da che parte sta, se cioè vuole difendere e tutelare il territorio cerisanese oppure continuare a sostenere faraonici progetti di un settore – l’eolico – che cela dietro interessi di lobby e gruppi di potere indefinibili. Aspetto con ansia prima del 5 giugno.

La ringrazio.

Francesco Madrigrano

Il signor Madrigrano asserisce che l’ex vicesindaco non c’entra nulla con il parco eolico e chiede di fare chiarezza circa la realizzazione del parco eolico sul territorio di Cerisano. Ed è vero. I cittadini di Cerisano si sentono confusi nell’assistere ad una campagna elettorale dove si sente tutto e il contrario di tutto.

Ecco perché sarebbe stato opportuno, salutare e democraticamente corretto accettare l’invito al confronto pubblico che Salvatore Mancina ha rivolto al candidato Di Gioia. Invito che purtroppo è caduto nel vuoto.

Un confronto pubblico che avrebbe veramente permesso a tutti i liberi cittadini di Cerisano di compiere le scelte giuste e di votare in base ai contenuti, ai programmi. Ancora una volta, però, mi pare di capire che si è scelto di percorrere un’altra strada. Che per il momento non porta alla verità. (g. c.)