Cetraro, primario di Rianimazione: Aieta rovina i piani di Madame Fifì. “Guerra” nel PD

Giuseppe Aieta
Advertising

La notizia che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi sul concorso di primario anestesista dello spoke Cetraro/Paola sembra aver colpito nel segno.

Da Cetraro è partita una “guerra sotterranea” a Madame Fifì e al suo amico Adelchi Toscano, originario di Tarsia ma proveniente dal glorioso ospedale Careggi di Firenze, indicato da molti come vincitore del concorso.

Ormai tutti ma proprio tutti hanno sgamato la tresca della vecchia megera con il dottore in carriera e qualcuno si sta muovendo per sfilarle il concorso da sotto il braccio.

Sembra che quando le hanno comunicato la “notizia” di Toscano sbattuto in prima pagina da Iacchite’, quella strega brutta di Madame Fifì abbia lanciato anatemi in tutte le lingue. Era arrivata ad un passo dal successo: la prova finale è prevista infatti per giorno 9 dicembre ma è evidente che qualcuno le abbia rovinato il “piano”.

Ed eccoci qui a spiegarvi cosa si muove a Cetraro per fare il “coppo” a Madame Fifì e al suo “amichetto”. Tolto di mezzo Adelchi Toscano, pare, infatti, che ad accomodarsi in pole position sia adesso la candidata “amica” del consigliere regionale del PD Giuseppe Aieta (tra l’altro anche ex sindaco di Cetraro), che è di Cetraro e che assolutamente non può permettere che a vincere il concorso sia qualcuno che non risponda al nome della sua “amica” ovvero la dottoressa Mariafranca Occhiuzzi che, attualmente, è anche la responsabile della Unità Operativa Complessa di Anestesia e Rianimazione dello spoke Cetraro/Paola. Insomma, il primario facente funzioni.

Indubbiamente la Occhiuzzi è una professionista di buon livello, così come Adelchi Toscano ed altri concorrenti che partecipano alla selezione, ma a decidere deve essere la politica!

Nessuna chance per gli altri, così vanno le cose.

Un consiglio a chi sperava in un concorso senza protezionismi: ma che partecipate a fare?