Clan Mancuso, 10 assoluzioni e 8 condanne

Advertising

La Corte d’Appello di Catanzaro ha inflitto otto condanne – per un totale di 41 anni e 7 mesi di carcere – e assolto dieci degli imputati nel processo scaturito dall’operazione Black Money, contro la cosca di ‘ndrangheta dei Mancuso di Limbadi, nel vibonese.

Confermate le condanne di Orazio CiceroneAntonio Cuturello e Francesco Tavella e inflitti 8 anni e sei mesi a Giovanni D’Aloi e 6 e 5 anni rispettivamente ai fratelli Giuseppe e Fabio Costantino.

Assolti invece, Antonio Maccarone, genero del defunto boss Pantaleone Mancuso, detto “Vetrinetta”, l’imprenditore Domenico De Lorenzo, il commercialista catanzarese Giuseppe IeraceGiuseppe Raguseo, genero del boss Cosmo MancusoNunzio Manuel Callà, considerato dagli inquirenti il presunto “braccio-destro” del boss Pantaleone Mancuso, alias “Scarpuni”, e Mario De Rito.