Concorso a cattedra confermato per 63.700 docenti: tre bandi, si attendono ora le classi

Advertising

Per gli insegnanti calabresi che attendono da tempo di conoscere le sorti sul loro futuro lavorativo, oggi arriva qualche risposta dal Ministero dell’economia: via libera all’assunzione di 63.700 docenti, tramite concorso a cattedra.

Il Mef ha acconsentito ai numeri proposti dal Ministero dell’istruzione per quanto riguarda il concorso per diventare docenti:

  • 800 scuola dell’infanzia
  • 900 primaria
  • 800 scuola secondaria di I grado
  • 300 scuola secondaria di secondo grado
  • 900 sostegno.

La legge 107 prevedeva che venisse pubblicato il bando entro fine novembre, ma ciò non è accaduto. Tuttavia è previsto esca in questi giorni di dicembre (forse domani stesso) e l’avvio delle prove entro i primi mesi del 2016. Il termine delle operazioni del concorso sono previste in tempo utile per le assunzioni 2016/17.

Ma la novità ultima è che non sarà emanato il classico bando, ma ben tre: infanzia/primaria, secondaria I e II grado, sostegno. La prova preselettiva sarà attivata soltanto per infanzia e primaria, non per la secondaria. Per i docenti di sostegno un concorso specifico.

Gli insegnanti cosentini, ormai da tempo a questa parte, si sono chiesti a chi sia rivolto il concorso e se il bando per il concorso a cattedra 2015-2016, già annunciato, realmente esclude i semplici laureati e i non abilitati.

Ebbene sembra proprio così: “si può partecipare al concorso – si legge su Orizzonte Scuola – per le abilitazioni possedute e per l’ordine di scuola corrispondente al titolo di specializzazione in possesso. Docenti curriculari e di sostegno non di ruolo in possesso di abilitazione all’insegnamento. Il concorso a cattedra è rivolto, dunque, a tutti i docenti abilitati, inclusi i possessori del diploma magistrale entro il 2001/02.”

L’Anief aveva già preannunciato un ricorso specifico per questa situazione, dichiarando: “molti studenti hanno scelto precisi percorsi universitari in vista della possibilità di accedere a determinate classi di concorso, magari facendo anche esami extracurriculari, e il fatto che il Ministero cambi le regole in corso d’opera non può che essere considerato illegittimo.”

Si attende comunque la pubblicazione del nuovo regolamento delle classi di concorso che è stato licenziato, nei pareri, dal Parlamento ed attende il via libera da parte del Consiglio dei Ministri che potrebbe avvenire a giorni. A breve, dunque, il via libera definitivo e la firma da parte del Presidente della Repubblica. Staremo a vedere cosa succederà.