Cosenza 2016, le porcate di Guccione sull’isola pedonale

Advertising

Oltre all’imbrattamento selvaggio di ogni muro disponibile della città con manifesti elettorali abusivi, senza nessuno, nonostante lo dica la Legge, che multi chi violi le regole, adesso dobbiamo anche assistere all’invasione elettorale dell’isola pedonale.

Quel porco di Guccione, che non ha il benché minimo senso civico, non si preoccupa di dire ai suoi che non è il caso che questi mezzi, seppur piccoli, sostino lungo il percorso del museo all’aperto. E’ una questione di rispetto per i cittadini.

Possono anche essere autorizzati, ma restano una bruttura unica oltre che una fastidiosa distrazione durante la visita museale. Ci vuole un po’ più di educazione e di rispetto per la città.

Ma si sa che quel porco di Guccione è solo n’uaminu i panza, e dunque non conosce creanza.