Cosenza 2016, riammessi 9 candidati del cazzaro

Advertising

Il Consiglio di Stato, oltre a riammettere la (debolissima) lista del Cinghiale, ha anche riammesso 9 candidati delle liste di Occhiuto che in un primo tempo erano stati depennati dal TAR.

Tre gli aspiranti consiglieri depennati dalla lista “Partito della Rivoluzione – Sgarbi”: Enrica Vulcano, Johanna Ginevra, Alessandra Filice. E ancora: erano stati depennati dalla lista “Cosenza sempre più” (sempre in appoggio a Occhiuto) i candidati Maurizio Apa, Alessandra De Marco, Francesca Greco, Floranna Malizia, Antonio Pellegrino, Filippo Tosti.

Adesso tutti e nove ritornano in pista.

Sostanzialmente, l’unico a rimanere fuori è stato il Guru con la sua lista Hettaruzzu Hebdo, che era stata esclusa per lo stesso motivo dei candidati di Occhiuto: 4 candidati avevano prodotto l’autentica della candidatura in un comune diverso da quello di Cosenza e poiché si scendeva sotto la soglia dei 21, la lista non è stata ritenuta valida.

Hettatuzzu Hebdo tuttavia ha deciso di non presentare ricorso al Consiglio di Stato.

«Il collettivo “Hettaruzzu Hebdo” – si leggeva in una nota di qualche giorno fa – non ricorrerà al Consiglio di Stato. Non avendo ansie di vittoria né di occupare scranni, continueremo la campagna nei modi previsti, dissacrando quanto c’è da dissacrare (e non è poco in questa tornata) con leggerezza e ironia e con lo stesso immutato entusiasmo».