Cosenza 5° in classifica: Pascali e Corsi stendono il Matera

Il Cosenza supera per 2-1 il Matera e lo agguanta al quinto posto, a quota 32. E’ la quinta vittoria consecutiva dei Lupi, a testimonianza di uno stato di forma straordinario, che potrebbe aprire le porte ad un finale di stagione dagli sviluppi imprevedibili.

Tutte e tre le reti sono arrivate nella ripresa: al minuto 19 colpo di testa vincente in torsione di Pascali sugli sviluppi di un corner, raddoppio al 35′ di Corsi con una gran botta all’incrocio su assist del neo-entrato Okereke a otto dal termine. Poi, nel finale, Dugandzic la riapre con un bel tiro a giro in mischia, Calamai si fa espellere per un colpo proibito a centrocampo ma i tre punti, comunque, vanno ai rossoblù.

PRIMO TEMPO – È sicuramente il Cosenza a far vedere le cose migliori. Gli uomini di Braglia tengono bene il campo, e successivamente, nel giro di un minuto si rendono pericolosi due volte. Prima al 12’ da calcio d’angolo. Gran pallone per Pascali, che lasciato tutto solo in piena area da De Franco e compagni, impatta al meglio, forse troppo bene, con il piattone: solamente il palo salva il Matera. Poi, sessanta secondi dopo è Perez (all’esordio con la maglia rossoblù) a graziare i biancoazzurri. Altro buco difensivo, il neo acquisto si trova a tu per tu con Golubovic, ma calcia davvero troppo male. Il Cosenza continua a prendere possesso del campo, al 19’ è Bruccini che ci prova dalla distanza: risponde Golubovic deviando la sfera. Poi è De Franco a deviare in corner. E il Matera? Praticamente inesistente. Pochi spunti, e una conclusione da dimenticare con Maimone che termina abbondantemente alta, Saracco non si sporca nemmeno i guanti. Al 34’ è il Cosenza a marchiare l’ultima chance del primo tempo. Bel cross di Loviso per Tutino che in piena area, si vede murato da Golubovic che tiene in vita i suoi.SECONDO TEMPO – Sono poche le emozioni, ma in compenso arrivano i gol. E a sbloccare la partita, ci pensa proprio il Cosenza. Al 18’ è il neo entrato Okereke a fare tutto da solo, ci pensa Sernicola a stopparlo in angolo. Dalla battuta, poi, come spesso accade da qualche tempo a questa parte, la difesa biancazzurra si addormenta, e concede lo spazio giusto a Pascali per incornare in rete. Questa volta, va tutto bene, non c’è il palo a dirgli di no. La reazione del Matera non arriva e il Cosenza, realizza anche il raddoppio. Arriva al 35’ quando lo stesso Okereke avvia una ripartenza, trova una prateria scoperta per Corsi che non può far altro che infilare Golubovic con un bellissimo diagonale. Partita finita? Questa volta il Matera si scuote, e al 43’ trova la rete con Dugandzic. Ma troppo poco per rimetterla in discussione, perché tiri in porta dalle parti di Saracco non ne arrivano.

COSENZA-MATERA 2-1

RETI: al 18’ st Pascali (C), al 36’ st Corsi (C), al 43’ st Dugandzic (M).

COSENZA (3-5-2): Saracco, Idda, Dermaku, Pascali, Corsi, Calamai, Loviso (dal 44’ st Trovato), Bruccini, D’Orazio, Perez (dal 26’ st Baclet), Tutino (dal 16’ st Okereke). A disposizione: Perina, Pinna, Pasqualoni, Boniotti, Mungo, Braglia, Mendicino. Allenatore: Braglia.

MATERA (3-5-2): Golubovic, Scognamillo, De Franco, Sernicola (dal 30’ st Corado), Angelo, Maimone (dal 22’ st Di Livio), De Falco, Urso (dal 36’ st Dugandzic), Casoli, Giovinco (dal 30’ st Battista), Sartore. A disposizione: Tonti, Mittica, Di Sabatino, Gigli, Taccogna, Dammacco. Allenatore: Auteri.

ARBITRO: Fabio Schirru (Nichelino).

NOTE: Serata tranquilla sul San Vito-Marulla. Terreno di gioco in pessime condizioni. Espulsi: al 45’ st Calamai (C) per gioco pericoloso. Ammoniti: Perez, Dermaku (C) e Urso, Maimone, De Falco (M). Angoli: 5-1 per il Cosenza. Recupero: 1’ primo tempo e 6’ secondo tempo. Spettatori: 1800 circa con una cinquantina dei quali provenienti dalla Città dei Sassi.