Cosenza, caos incendi: si lavora per spegnere i roghi di ieri

Advertising

(ANSA) – ROSE (COSENZA), 28 AGO – “Se non arrivano soccorsi maggiori a breve brucerà l’intero paese”. È il grido di allarme lanciato da Mario Bria, il sindaco di Rose, piccolo centro vicino Cosenza, che da ieri è interessato da un vastissimo incendio.
“Le fiamme – ha continuato il primo cittadino – hanno lambito delle abitazioni, finanche la Casa comunale e la situazione al momento è gravissima. Abbiamo bisogno di mezzi speciali, perché è a rischio tutto il centro abitato”.
Al momento nel comune di Rose operano sei squadre, tra Vigili del fuoco e Calabria verde, tre elicotteri e due Dos.

A seguito dell’incendio di Rose, centro assediato dalle fiamme da settimane, che poi si è propagato anche nel territorio di Castiglione Cosentino, è stata evacuata una clinica per lungodegenti. Solo stamane è stata riaperta la strada statale 107 Silana-Crotonese, chiusa ieri pomeriggio all’altezza di San Fili, dove si è registrato un vasto incendio che, partito dal territorio di San Vincenzo la Costa, ha interessato poi centinaia di ettari di terreno agricolo e boscato.

In provincia di Cosenza, dalle prime ore del giorno, sono attivi 16 roghi. Quelli che destano maggiore preoccupazione si trovano nei comuni di San Fili, Castiglione Cosentino, Carolei.