Cosenza-Catanzaro meno uno: caro Giorgio Roselli, ti scrivo

Mister Roselli e Statella (foto ilcosenza.it)
Advertising

Caro Giorgio Roselli,
come forse saprai non vinciamo due derby con il Catanzaro dalla stagione 1949-1950 – una delle tante volte in cui il Cosenza sfiorò la promozione in serie B.
Io sono l’ultimo a poterti dare lezioni – e non mi siederò tra quelli che ti accusano di predicare un calcio rinunciatario e arrendevole.
E’ che, dopo aver visto da bambino con questa maglia gente come Venturin e Padovano, Marulla e Negri, Napolitano e Zunico, Lentini e Fiore (e sto citando davvero i primi nomi che mi vengono in mente), e accarezzato addirittura la serie A, ti convinci che “il meglio deve ancora venire” e che arriverà quando sarai grande. E invece.
Ma l’errore è tutto mio. E quindi io sono qui a chiedertelo, con tutta la santa pazienza del mondo: vuoi o non vuoi passare alla storia del Cosenza per essere stato il secondo allenatore in oltre cento anni a vincere due derby di fila?
Tuo,
Andrea

dal profilo FB di Andrea Marotta

PS: il primo allenatore che ci riuscì si chiama Vittorio Mosele.

Nel 1949-50 allenò il Cosenza, sfiorando la promozione in Serie B e guadagnandosi la fama di “sergente di ferro” e l’ammirazione dei tifosi che inserirono il suo nome nell’inno cantato in quegli anni