Cosenza, i Comitati strapazzano il truffatore Occhiuto: “Basta soldi ad amici e compari”

Advertising

Buona la terza assemblea! Questa volta abbiamo invaso una piazza riappropriandoci di un pezzo di città che è ritornato alla sua funzione specifica. La piazza come luogo di incontro, quale momento di scambio di opinioni fra cittadini, comitati, associazioni e movimenti che hanno un solo obiettivo: il bene comune della città.

Lo ripeteremo fino allo sfinimento, le priorità dei cittadini e delle cittadine dell’Area Urbana sono differenti dalle politiche messe in campo dalle Amministrazioni di ogni ordine e grado. Non è più il tempo di decisioni calate dall’alto ed utili solo per ingrassare amici e compari. Acqua, rifiuti, sanità, reddito, casa e la ricerca di una vita dignitosa per tutti e tutte, queste le nostre priorità.

Allarghiamo la partecipazione, tutti e tutte sono chiamati ad esprimere la loro ed essere attori di questa costituente dei comitati autoconvocati dell’Area Urbana. Cosenza è stata definita l’Atene della Calabria, facciamo in modo che oltre lo slogan lo diventi davvero. Recuperiamo le migliori istituzioni della democrazia diretta, creiamo insieme le basi affinché i cittadini in assemblea decidano dei loro quartieri e delle loro vite mentre i delegati all’amministrazione tornino solo ad eseguire il volere popolare.Chi decide le priorità dell’agenda politica? Decide Cosenza, decide Rende, decidono gli abitanti dei loro quartieri… decidiamo noi! Fino ad adesso ci siamo raccontati e conosciuti, continueremo a farlo Domenica 26 Novembre provando a fare sintesi e passare ad una fase più concreta. Ci riusciremo? Non ci sono ricette preimpostate, anche questo dipende da noi, dalla nostra pazienza nella costruzione, dalle nostre capacità e dalla nostra inventiva. Armamuni e, questa volta davvero, partimu… tutti e tutte insieme.

Assemblea dei Comitati Autoconvocati dell’Area Urbana