Cosenza corrotta, revocati i domiciliari all’ispettore Ciciarello

L'ispettore Ciciarello
Advertising

Il gip del Tribunale di Catanzaro, Assunta Maiore, ha revocato la misura degli arresti domiciliari per Vincenzo Ciciarello. L’ex agente della squadra mobile di Cosenza, attualmente in servizio nella Prefettura, era stato arrestato lo scorso 27 aprile per concorso esterno in associazione mafiosa assieme a un’altra persona, l’imprenditore Enrico Costabile.

Secondo l’accusa, i due avrebbero rivelato informazioni riservate e coperte da segreto istruttorio alla cosca Rango-Zingari. Assieme a Ciciarello e Costabile sono indagate altre due persone, un carabiniere, e un impiegato civile dell’ufficio verbali della Polstrada di Cosenza. Questa mattina il gip di Catanzaro, accogliendo la richiesta degli avvocati Roberto Le Pera e Antonella Ponterio, ha revocato i domiciliari per Ciciarello per sopravvenuta insussistenza delle esigenze cautelati. Ciciarello rimane comunque imputato del processo che si incardinerà dagli atti giudiziari della DDA.

Il Velino