Cosenza, ex hotel Jolly: ecco come Oliverio e Iacucci hanno aiutato Occhiuto

Nella lettura del comunicato stampa dei 5stelle e del documento, allegato della Direzione Generale del Mibac, che abbiamo pubblicato ieri (http://www.iacchite.com/cosenza-ex-hotel-jolly-il-m5s-demolisce-occhiuto-sei-solo-un-bambino-viziato/) potrebbe essere sfuggito a molti un dettaglio molto interessante.

Il dettaglio interessante è l’approvazione, da parte della Provincia di Cosenza, del ridicolo, inutile e dannoso progetto della demolizione dell’ex hotel Jolly e della ricostruzione della cassa da morto (con tutto il rispetto per le bare, s’intende) dorata del Museo del Nulla-Alarico.

Il dettaglio ci rivela, pure, che la Provincia -a guida del fedelissimo di Oliverio, Iacucci- ha approvato il progetto il 21 giugno 2018 e cioè pochissimi giorni prima che scadessero i termini, anzi a termini di legge già abbondantemente scaduti, per cercare di legittimare in qualche modo la demolizione occhiutiana.

A dire il vero, il tecnico della Provincia, Dipartimento Tecnico settore 7°, cerca di salvarsi la faccia dicendo che viene rilasciato un parere favorevole paesaggistico, “esclusa la sistemazione delle sponde fluviali localizzate in corrispondenza del manufatto (ex Jolly-Museo del Nulla-Alarico) perché non vi è una adeguata rappresentazione progettuale” (traduzione: Occhiuto voleva buttare le macerie dell’ex hotel Jolly nel fiume e costruirci gli argini, ma questo è troppo e, soprattutto, non è possibile perché le macerie sono rifiuti speciali che vanno smaltiti come si conviene).

Se ne deduce, dunque, che pure per Iacucci e Oliverio la costruzione del Museo del Nulla-Alarico va benissimo e che nonostante sia una orribile e ridicola cassa da morto (sempre con tutto il rispetto per le bare, s’intende) dorata non ha alcuna incompatibilità paesaggistica con l’adiacente centro storico. Se ne deduce, ancora, che Oliverio e Occhiuto sono d’accordo e che Oliverio addirittura corre in soccorso di Occhiuto se quest’ultimo ha necessità, come in questo caso, di essere aiutato con qualche autorizzazione, anche se fuori tempo massimo.

Tutto questo, però, avremmo già dovuto saperlo perché il progetto è stato approvato e finanziato proprio dalla Regione Calabria per circa 7 milioni di euro.