Cosenza, Facsimili: il docufilm sulle elezioni comunali

Advertising

Il progetto realizzato da giovani studenti universitari è stato prodotto dall’Open Fields Production
Facsimili: l’ironia sdrammatizzante sul grottesco politico
Il docufilm sulle elezioni amministrative cosentine del 2016 in onda su Ten domani, giovedì 12 gennaio alle 15:00

Andrà in onda domani, giovedì 12 gennaio, alle 15, su Teleuropa Network, il primo e unico docufilm sulle elezioni amministrative 2016 della città di Cosenza. Il progetto, portato avanti da alcuni giovanissimi studenti universitari, è stato girato tra la fine di maggio e gli inizi di giugno.
Facsimili, titolo che richiama le schede elettorali illustrative che distribuiscono i candidati durante la campagna elettorale, è un docufilm grottesco e ironico in cui il protagonista, un ipotetico giornalista/scrittore, chiuso al buio della sua stanza e illuminato dalla debole luce di una candela (che rappresenta anche l’instabilità e l’incertezza del periodo politico), batte a macchina, in una notte, il racconto di queste elezioni. Il finale, con lo sguardo del giornalista sulla città, dovrebbe far comunque sperare in un avvenire migliore.

La Produzione. Il docufilm è stato prodotto dall’Open Fields Productions è una giovane casa di produzione cinematografica calabrese fondata nel 2010 da Fabrizio Nucci e Nicola Rovito. Fra le loro produzioni attualmente vi è “MATERA 15/19” un documentario che racconta il percorso di Matera da città vergogna d’Italia, a capitale europea della Cultura nel 2019. Il progetto è in coproduzione con Arifa film.

Il regista è il 24enne Gianluca Salerno, laureato presso l’università della Calabria in Comunicazione e DAMS. Durante la sua carriera universitaria ha partecipato a diversi workshop con figure del settore come Mauro Fiore e Michelangelo Frammartino.

Ha preso parte a diversi progetti audiovisivi: dai cortometraggi, ai format televisi, ai videoclip.
“Un giorno – ha dichiarato Salerno – di ritorno dalla pausa caffè insieme ad un gruppo di colleghi, un netturbino attirò la nostra attenzione. Durante l’esercizio delle sue mansioni ci chiese il voto, argomentando la sua candidatura. La scena fu talmente curiosa che ci chiedemmo: ma chi sono i candidati di questa campagna elettorale? Che cosa hanno da dire? E perché ci sono 1200 persone che hanno scelto di candidarsi?

Considerando la varietà dei candidati che si contendevano il posto e lo spessore degli stessi, decidemmo di intervistarli tutti dandogli appuntamento nel corso principale di Cosenza e sottoponendoli ad una serie di domande e curiosità. Durante le riprese i passanti, ci chiesero di lasciare un loro parere personale. Da lì decidemmo – continua il regista cosentino – di raccontare in toto il periodo elettorale intervistando i protagonisti principali e seguendo i fatti sia negli ultimi giorni dei comizi sia nell’intera giornata del voto e del conseguente spoglio”

Finalità. Il Documentario è stato pensato per un pubblico internazionale, in quanto si ritiene di grande interesse portare alla luce il tessuto politico cosentino e per riflesso quello calabrese che è poi anche lo specchio di una certa politica regionale/nazionale.

Tra i personaggi intervistati: Mario Occhiuto. Architetto di fama internazionale, sindaco uscente dalla carica. A distanza di 4 mesi dalle elezioni viene sfiduciato dalla sua stessa giunta comunale, per far controllare i registri finanziari del comune alle forze dell’ordine.

Carlo Guccione. Candidato sindaco con il Partito Democratico a pochi giorni dalla chiusura delle liste dopo la rinuncia di Lucio Presta, noto agente televisivo

Enzo Paolini. Avvocato cosentino attivo in politica fin dai tempi dell’onorevole Giacomo Mancini, e rivale del sindaco uscente Mario Occhiuto, arrivato secondo alle passate elezioni del 2011.

Valerio Formisani. Medico, ha formato una lista civica portando avanti la sua onestà la sua trasparenza che ha trovato il sostegno della sinistra intellettuale cosentina. Gustavo Coscarelli. Esponente del movimento cinque stelle , conosciuto soprattutto per i vari cambi di partito che ha avuto nel corso degli ultimi anni.

Vittorio Sgarbi. Critico d’arte, ha mostrato interesse per queste elezioni politiche sostenendo il sindaco uscente, proponendosi come assessore alla cultura. Ha un appartamento nel centro storico di Cosenza, il quale sostiene essere uno dei più belli d’Italia.

Mario Oliverio. Attuale presidente della Regione Calabria, ha sostenuto la candidatura di Carlo Guccione e promuove la costruzione della metropolitana leggera…