Cosenza, Francesca Malizia sull’incontro con Occhiuto: “Nessun salto di banco”

Advertising

Comunicato Stampa

Il consigliere Malizia smentisce: nessun salto di banco

Il consigliere comunale di Cosenza, Francesca Malizia, smentisce le allusioni fatte su un ipotetico passaggio in maggioranza, in seguito ad un incontro avvenuto con il sindaco Mario Occhiuto ed il consigliere Giovanni Cipparrone.

Francesca Malizia, in particolare, precisa la sua posizione.

«Ho scelto di candidarmi nella lista dell’NCD formata dai fratelli Gentile e ne sono fiera. L’incontro con il sindaco Occhiuto è stato finalizzato a porre alla sua attenzione il problema delle barriere architettoniche, purtroppo problema ancora presente nelle scuole del territorio urbano, quale quella dell’istituto scolastico di via De Rada».

Il consigliere Malizia continua sottolineando che le allusioni fatte su un suo “salto di banco” sono prive di ogni fondamento di verità e non sono altro che pure strumentalizzazioni politiche dalle quali ne prende le distanze perché non appartengono al suo modo di essere.

Ipotizzare, dunque, che l’incontro avvenuto possa essere interpretato come un “gioco politico” e non come un importante momento di confronto tra consiglieri e sindaco, è decisamente una caduta di stile che non appartiene alla sottoscritta.

«Dunque di politico non c’è assolutamente nulla – continua Francesca Malizia -. La mia stretta di mano con il sindaco Occhiuto, al contrario, è solo il simbolo di una normale procedura istituzionale finalizzata solo a portare avanti le istanze dei cittadini e dando loro risposte concrete, attraverso l’impegno e gli interventi fattivi ma sempre nella trasparenza e nella legalità.

Sarò coerente con il mandato che i cittadini mi hanno affidato e porterò avanti un’opposizione costruttiva e non certo strumentale, sempre nel rispetto dei ruoli, ruolo per il quale che i cittadini stessi mi hanno scelta, ed in favore della cittadinanza. Da giovane consigliere il mio obiettivo è anche quello di avvicinare i giovani alla politica, dimostrando loro l’importanza dell’impegno che si investe verso la propria città e i propri concittadini per dare esclusivamente un contributo concreto alla risoluzione delle criticità».