Cosenza-Hellas Verona: le due vittorie al San Vito firmate Gigi Marulla

La storia del Cosenza Calcio racconta che i Lupi hanno affrontato l’Hellas Verona in casa undici volte tra il San Paolo di Napoli (dove si giocò nel 1962), l’Emilio Morrone e il San Vito, dal 1961-62 al 2009-10 (unica sfida in Serie C). Il bilancio è favorevole al Verona, che ha vinto in quattro circostanze mentre i rossoblù si sono imposti due volte, nei campionati 1992-93 e 1993-94, e cinque volte è finita in parità.

I due successi del Cosenza sono indissolubilmente legati alla figura di Gigi Marulla, che firmò entrambe le vittorie. La prima volta, il 25 aprile 1993, segnò una doppietta che per ogni tifoso del Cosenza è impossibile dimenticare mentre la seconda volta, il 13 marzo 1994, realizzò l’unico gol della contesa.

Qualche anno fa, prima che Gigi ci lasciasse, avevamo ricordato insieme quella partita del 1993 e Gigi ci aveva rilasciato una dichiarazione che ancora oggi conserviamo tra i nostri ricordi più belli.

Nel campionato 1992-93, quello in cui ci siamo giocati la Serie A nelle partite casalinghe contro Cremonese e Ascoli, Marulla aveva lasciato ancora il segno con un’altra annata importante.

Memorabile, appunto, la doppietta al Verona al San Vito il 25 aprile 1993.“Nel 1992 – ricorda Gigi – loro tornavano in serie B dopo qualche anno di sali e scendi successivo al periodo in cui erano diventati, con Bagnoli in panchina, campioni d’Italia. Non so se mi spiego. E’ chiaro che puntavano alla serie A e in panchina c’era proprio Edy Reja, con il quale appena un anno prima avevamo sfiorato la Serie A, che era svanita all’ultima giornata a Lecce. Ma anche quell’anno noi eravamo fortissimi. C’era Fausto Silipo alla guida tecnica e la formazione base era una goduria: Zunico, Balleri, Compagno, Napoli, Napolitano, Bia, Monza o Signorelli, De Rosa, Marulla, Statuto o Catanese, Negri o Fabris… Siamo stati sempre in zona promozione, fin da quando, all’andata, avevamo conquistato i due punti proprio sul campo del Verona.C’era grande attesa per il match di ritorno. La Curva era uno spettacolo, l’atmosfera quella giusta. Ho sbloccato il risultato nel primo tempo con una punizione di potenza. Quando ti riescono queste cose vuol dire che è la giornata giusta. E infatti dopo nemmeno dieci minuti del secondo tempo è arrivata la doppietta. Un contropiede micidiale, mi arriva una palla invitante e penso al pallonetto. Un attimo e la palla è sopra il portiere. Fantastico. Una delle doppiette più belle della mia carriera”.

Quell’anno il Cosenza incasellò tutti e quattro i punti in palio contro il Verona. Nel girone d’andata, al “Bentegodi”, i Lupi conquistarono la prima storica vittoria in terra scaligera. Finì 2-0 grazie ad un missile di Statuto e a un contropiede di Fabris.

COSENZA-HELLAS VERONA 2-0

COSENZA: Zunico; Napoli, Bia, Napolitano; Balleri, De Rosa, Catanese (71′ Statuto), Signorelli, Compagno; Marulla, Fabris (66′ Negri). Allenatore: Silipo

HELLAS VERONA: Gregori; Bianchi, Luca Pellegrini, Pin, Polonia; Icardi, Pagani (46′ Piovanelli), Prytz (66′ Ficcadenti), Rossi: Lunini, Davide Pellegrini. Allenatore: Reja

ARBITRO: Rodomonti di Teramo

MARCATORI: 19′ Marulla, 54′ Marulla

COSENZA-VERONA 1-0 E LA SERIE B PIU’ BELLA DI SEMPRE: 1993-94Neanche un anno dopo al San Vito la storia si ripete. Il Cosenza batte il Verona e a decidere la gara sarà ancora Gigi Marulla. E’ il 13 marzo 1994, ed è ancora il Cosenza di Fausto Silipo, nel quale c’è anche lo zar Pedro Maiellaro. Non sarà un campionato memorabile per i colori rossoblù, con la società alle prese con una grave crisi finanziaria che porterà alle vicissitudini della ics sul calendario e ai nove punti di penalizzazione della stagione successiva. Ma al San Vito, Marulla castiga ancora il Verona. Al 29′ del primo tempo, sotto la Curva Sud, Gigi segna nell’area piccola raccogliendo uno spiovente e gonfia la rete urlando di “liberazione”.

Molti considerano la stagione 2006/2007 la migliore mai vista in Serie B, con Juventus, Napoli e Genoa che staccarono il biglietto senza passare dai playoff (oltre 10 punti di vantaggio della terza in classifica sulla quarta posizione).

Tuttavia, guardando a ritroso, ci sentiamo in dovere di portare alla luce la vera annata di riferimento per effettuare paragoni sotto il profilo di classe, tecnica, blasone ed agonismo.

La stagione in questione è l’annata 1993-94, campionato cadetto che difficilmente potrà avere eguali.

Queste le 20 squadre partecipanti:
Acireale, Ancona, Ascoli, Bari, Brescia, Cesena, Cosenza, Fidelis Andria, Fiorentina, Lucchese, Modena, Monza, Padova, Palermo, Pescara, Pisa, Ravenna, Venezia, Verona, Vicenza.

In questa Serie B, la classifica marcatori fu vinta dal “Condor” Agostini che vestiva la casacca dell’Ancona, ma tra i bomber c’erano Bierhoff (Ascoli), Tovalieri (Bari), il tandem rumeno Hagi – Sabau (Brescia), il duo Scarafoni – Hubner (Cesena), la coppia Maiellaro – Marulla (Cosenza), Gabriel Batistuta (Fiorentina), Rastelli e Paci (Lucchese), Enrico Chiesa (Modena), Bip-Bip Valtolina (Monza), Nanù Galderisi (Padova), il centravanti azzurro ad Italia 90 Andrea Carnevale (Pescara), Christian Vieri (Ravenna), Pippo Inzaghi (Verona).
Senza dimenticare promesse mancate (il pisano Rocco, scuola Inter) e mestieranti della categoria (Sorbello dell’Acireale, Cerbone e Bonaldi del Venezia).

Un campionato spumeggiante che premiò Fiorentina, Bari, Brescia e Padova, condannando Pisa, Ravenna, Modena e Monza.

Una serie B difficilmente ripetibile, con i vari Effenberg, Toldo, Pasquale Bruno, Corini, Frederic Massara in campo e Mircea Lucescu e Claudio Ranieri in panchina a nobilitare ulteriormente un campionato da incorniciare.

I MOTIVI –

  • Un elevato numero di piazze importanti nel novero delle partecipanti;
  • Un gruppo di calciatori di caratura internazionale che decisero di restare anche in B (accadde lo stesso con la Juventus nel 2006/2007, ma vi furono motivazioni differenti);
  • Un clamoroso numero di bomber che di lì a poco sarebbero esplosi sul palcoscenico calcistico italiano e continentale.

LA STORIA DI COSENZA-VERONACOSENZA-VERONA Serie B 1961-62 (giocata a Napoli) 0-1 – 11′ Bertucco

COSENZA-VERONA Serie B 1962-63 – “Emilio Morrone” – 0-0

COSENZA-VERONA Serie B 1963-64 – “Emilio Morrone” 1-1 – 65′ Calloni, 75′ Fontana

COSENZA-VERONA Serie B 1990-91 – “San Vito” – 0-0

COSENZA-VERONA Serie B 1992-93 – “San Vito” 2-0 (19′ Marulla, 54′ Marulla)

COSENZA-VERONA Serie B 1993-94 – “San Vito” 1-0 (29′ Marulla)

COSENZA-VERONA Serie B 1994-95 – “San Vito” 1-1 (6′ Lunini, 66′ Negri)

COSENZA-VERONA Serie B 1995-96 – “San Vito” 1-2 (32′ Lucarelli, 73′ De Angelis, 86′ De Vitis

COSENZA-VERONA Serie B 1998-99 – “San Vito” 0-1 (64′ Cammarata)

COSENZA-VERONA Serie B 2002-03 – “San Vito” 0-1 (60′ Abbruscato)

COSENZA-VERONA Serie C1 2009-10 – “San Vito” – 0-0