Cosenza, i poeti denunciano il nuovo razzismo

I POETI DENUNCIANO IL NUOVO RAZZISMO

 

Anche i poeti decidono di far sentire la loro voce, in questo tempo in cui l’”homo homini lupus” sembra venire elevato a legge, e i governi di diversi paesi del mondo chiudono le loro frontiere in faccia a quanti cercano una via di scampo dalla guerra, dalla dittatura o anche semplicemente dalla miseria.

Lo fanno usando i loro strumenti: riflettendo, nelle loro poesie, sul nuovo razzismo che emerge nella pancia dell’Occidente, e spesso è assecondato dai governi.

A darne notizia è “Capoverso”, semestrale di poesia, che dedica uno speciale a “Poeti e popoli migranti”. Che contiene contributi, fra gli altri, di Maurizio Cucchi, Donatella Bisutti, Guido Oldani, Giulia Niccolai, Mariella Bettarini, Gino Scartaghiande, Giuseppe Langella. Nel presentare il numero, il coordinatore Franco Dionesalvi scrive: “Quello che sconcerta è lo sfrenato incitamento dei sentimenti più bruti e irrazionali che albergano un po’ dentro tutti noi. E che tuttavia andrebbero sviscerati e curati, piuttosto che elevati a decalogo di comportamento”.

Oggi, venerdì 28 dicembre alle ore 17,30, presso “[email protected]”, in via del Tembien 7, a Cosenza, presentazione della rivista a cura delle associazioni “SeminAria” e “bookandthecity“. Introduce Roberta Corbo, intervengono Franco Dionesalvi, Anna Petrungaro, Saverio Bafaro; letture a cura di Franco Araniti e Manolo Muoio. Sarà presente l’editore Franco Alimena. Nell’occasione sarà anche esposta la mostra fotografica, di Fabrizio Liuzzi, dal titolo “Migrant Hotel”.

“Capoverso”, numero 36, è edito da Orizzonti Meridionali.

Chi fosse interessato, può richiederlo a: [email protected]