Cosenza, il PD si sveglia: “Emergenza acqua, Occhiuto brancola nel buio”

Advertising

«Il Comune di Cosenza non spende i soldi per risolvere il problema dell’emergenza idrica. I cittadini stanno pagando un prezzo alto per la politica scellerata di Occhiuto, interessato soltanto a feste, concerti e luminarie. Per queste operazioni di facciata il primo cittadino di Cosenza trova subito i soldi alle spalle dei cittadini. Quando invece si tratta di risolvere un problema concreto e garantire un servizio essenziale e vitale per tutta la comunità il sindaco architetto mostra tutto il suo fallimento amministrativo».

Lo afferma il Gruppo consiliare del PD di Cosenza in un comunicato stampa.

Questa mattina, su iniziativa dei gruppi di opposizione, si è svolta una seduta comune delle commissioni Bilancio e Lavori pubblici

Dal confronto sono emerse gravi responsabilità da parte di Palazzo dei Bruzi. La Sorical ha confermato, dati alla mano, che non c’è stata nessuna riduzione della portata d’acqua nella città di Cosenza, malgrado il Comune risulti essere moroso nei confronti della stessa società. Alla città di Cosenza sono forniti più di 300 litri di acqua al secondo.

«La verità – si legge nella nota del PD – è che il Comune di Cosenza ancora oggi brancola nel buio. L’acqua fornita a una città di 70mila abitanti come Cosenza è superiore a tutti gli standard europei. Più del 50% dell’acqua fornita si perde lungo le vecchie e inadeguate tubature con perdite disseminate in tutta la città.

Eppure i cittadini pagano bollette salatissime per avere un servizio insufficiente. Gli acquedotti comunali forniscono acqua che si aggiunge a quella fornita dalla Sorical. Una quantità d’acqua enorme che, se gestita adeguatamente dal Comune, potrebbe garantire abbondantemente la risoluzione del problema. Bisognerebbe aprire un’inchiesta per verificare perché l’acqua non arriva nelle case dei cosentini. C’è da dire che la Sorical vende il servizio a un prezzo che poi viene triplicato dal Comune di Cosenza».

«Noi – conclude il Pd – abbiamo l’abitudine di coltivare la memoria e ricordiamo benissimo quando Occhiuto, solo due anni fa, annunciò in pompa magna di aver risolto il problema della carenza idrica a Cosenza. Ancora una volta il primo cittadino delle luminarie viene smentito dai fatti. Continueremo a vigilare e lavorare, come forza di opposizione, affinché siano garantiti finalmente i diritti e i servizi fondamentali per i cittadini».