Cosenza, il PD si sveglia: “Occhiuto, cosa c’è dietro la nuova proroga ad Ecologia Oggi?”

Advertising

«L’ultimo esempio del modello Occhiuto è la mancata indizione della gara d’appalto per il servizio di spazzamento e raccolta dei rifiuti. Ecologia Oggi espleta il servizio di spazzamento e raccolta di rifiuti nel territorio di Cosenza. Il 22 di agosto 2016 è scaduto il contratto che legava la società lametina al Comune di Cosenza. Nel contratto originario è previsto il tacito prolungamento del servizio per un massimo di sei mesi in attesa del termine della nuova gara d’appalto. I sei mesi sono trascorsi. La proroga è scaduta il 28 febbraio. Giusto il tempo di prolungarla. Sempre a favore di Ecologia Oggi».

Lo scrive in una nota il gruppo del Pd nel consiglio comunale di Cosenza.
«Perché il sindaco Occhiuto, pur essendosi insediato da giugno, non ha provveduto ad indire la gara d’appalto per il servizio di raccolta dei rifiuti? I cittadini hanno il diritto di sapere se e quali interessi ci sono dietro questa ennesima proroga e anomalia della gestione Occhiuto. La breve parentesi di governo del commissario non può essere addotta come motivo per la mancata indizione della gara d’appalto.

Occhiuto governa dal 2011. Il gruppo consiliare del Partito democratico ha più volte sostenuto, nelle commissioni competenti, la necessità di mettere in campo le procedure per un nuova gara d’appalto, coinvolgendo l’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) e la Stazione unica appaltante al fine di scongiurare eventuali episodi poco chiari o infiltrazioni mafiose. Una procedura pubblica che supera i 10 milioni di euro ha bisogno della necessaria attenzione. Così come lo stesso Occhiuto avrebbe dovuto fare attenzione ad un altro aspetto».

«L’ingegnere Bartucci e l’assessore al Bilancio, Carmine Vizza, nella commissione consiliare competente avevano riferito dell’esistenza di un contenzioso di alcuni milioni di euro (mancati servizi e personale) tra Comune di Cosenza ed Ecologia Oggi. Alla luce di questo dato – conclude il gruppo consiliare del Pd – risulta alquanto strano che lo stesso Comune affidi il servizio in proroga alla stessa ditta».