Cosenza in Comune: “Bocciamo in toto la nuova Piazza Fera-Bilotti”

Advertising

Cosenza in Comune: “Bocciamo la nuova Piazza Bilotti. Serve un piano urbano che parta da Cosenza Vecchia e dalle periferie”

Una colata di cemento nel “cuore” di Cosenza. Bloccata per tre anni dai lavori in corso – che hanno mandato nel caos il traffico nel centro città – sabato 17 dicembre la ex piazza Luigi Fera, diventata poi Piazza Bilotti, è stata inaugurata nella sua nuova veste. Come si legge sul sito internet www.piazzabilotticosenza.it, si tratta di “uno spazio urbano oltre il parcking”. Il progetto, approvato dalla prima giunta Occhiuto il 26 aprile 2013, per un valore di 16 milioni di euro di fondi pubblici, e la consegna prevista originariamente il 17 ottobre 2014, entro 540 giorni dalla data di inizio dei lavori, dal fine settimana appena trascorso è diventato realtà. Potremmo definirlo il “regalo di Natale” del sindaco ai cosentini.

“A distanza di tre anni e 8 mesi da quella data che riavviava ufficialmente nel capoluogo bruzio la stagione delle grandi opere pubbliche – si legge in una nota ufficiale sul sito del Comune di Cosenza –  viene adesso restituito alla fruizione delle persone un luogo nel cuore di Cosenza che è tra i simboli storici dell’aggregazione sociale”.

Ci dispiace dover essere i guastafeste in questo momento “storico” per la città, ma se per il sindaco Mario Occhiuto la nuova piazza Bilotti rappresenta “la riqualificazione di un luogo che conserva un significato profondo nella strategia urbana”, noi crediamo che una strategia urbana efficace debba necessariamente partire dalla riqualificazione del centro storico, per il quale urge la messa in sicurezza dal rischio sismico e dal dissesto idrogeologico. Cifre come i 16 milioni spesi per piazza Bilotti e i 484 mila euro per le luminarie natalizie, non rappresentano a nostro avviso, investimenti nell’interesse della città tutta.

Nel nostro programma elettorale avevamo previsto un nuovo piano dell’area urbana cosentina con parcheggi e collegamenti negli snodi focali, per collegare le periferie e i casali con il centro città. Parcheggi per i pendolari nell’area di Vaglio Lisi, in corrispondenza della rotonda Anas all’imbocco dell’autostrada di Cosenza centro e più aree verdi non cemento. Invece la nuova piazza Bilotti, che sembra una enorme pista di pattinaggio, senza un albero, un’aiuola, senza fonti di ossigeno in quello che continuerà a essere, per forza di cose, un punto di congestione del traffico e farà aumentare i livelli di smog. Ricordiamo che solo qualche mese fa Legambiente aveva registrato alti valori di PM 10, le polveri sottili presenti nell’atmosfera.

Per cui lo avevamo detto e lo ribadiamo: noi di Cosenza in Comune bocciamo in toto la nuova piazza Bilotti e chiediamo alla giunta un tavolo dove confrontarci seriamente sul piano trasporti dell’area urbana cosentina che parta da Cosenza Vecchia e dalle periferie.

Cosenza in Comune – per un’altra idea di città