Cosenza, la Finanza sequestra beni per 1 milione a un esponente di spicco di un clan locale

Advertising

Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza stanno eseguendo una misura di prevenzione disposta dal Tribunale di Cosenza su richiesta del Procuratore Capo della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, e dalla D.D.A. di Catanzaro nei confronti di un esponente di spicco di un clan locale e di un consociato.

Il provvedimento (previsto dal Codice Antimafia, ex D. Lgs. 159/2011) è finalizzato al sequestro per la successiva confisca, di immobili, quote sociali, una società ed un’autovettura per un controvalore pari a circa un milione di euro.

Voci non ancora confermate (ma neanche smentite) collegano il provvedimento agli affidamenti diretti e ai cottimi fiduciari di Mario Occhiuto.