Cosenza, Occhiù facci sognare: comprati la Banca d’Italia

Advertising

Dobbiamo confessare che in questi giorni nei quali si è fatto un gran parlare delle vicissitudini legate alla Banca d’Italia, il nostro pensiero è volato spesso alla bellissima sede di Cosenza che ormai da qualche anno non funziona più e rimane abbandonata in pieno centro cittadino in attesa che qualcuno decida cosa farne.

Navigando su internet, abbiamo appreso che è in vendita alla “modica” cifra di 5 milioni di euro. Cifra abbastanza proibitiva per tutti ma che potrebbe andare benissimo per un ente tipo il Comune di Cosenza che spesso e volentieri butta soldi ad minchiam per il gusto del cazzaro che lo presiede.

Allora, caro Occhiuto, ti diamo qualche suggerimento (gratis) che potrai certamente sfruttare insieme ai tuoi amici della procura e a quelli della malavita, che tanto qui a Cosenza è la stessa cosa.

Il fabbricato in questione lo vediamo bene come Hotel a 5 stelle superlux, perché si presta ad una ristrutturazione seria e competente di questo genere, inoltre ha giardino in centro città recintato, in cima puoi creare un Roof Garden, nei sotterranei parcheggio per gli ospiti che a te piacciono tanto i parcheggi sottoterra e, una volta finito l’Hotel (che ti suggeriamo di intitolare “Conte di Cavour”) si può inaugurare il tutto tuffandoti in uno stile neoliberty tra tappeti, cristalli, quadri e mobili impreziositi dall’antichità (magari fai un colpo di telefono a Bilotti che è sempre in agguato) e funzionali all’applicazione delle nuove tecnologie. Costo dell’operazione chiavi in mano 26 milioni di euro. Quisquilie e bazzecole per uno sgamato come te…

Potresti fare un altro colpo di telefono a quel trombone di Mario Bozzo, che con un semplice schioccar di dita alla Fondazione Carical muove miliardi, altro che milioni. Ma ci pensi che cosa potrebbe mai essere un Hotel del genere in pieno centro? E se proprio non vuoi farci un Hotel magari ci puoi fare un casino (con l’accento sulla o, non equivocare) oppure un bel posto per latitanti in trasferta e persino un bunker se quello della Corea (adesso non mi ricordo bene il nome) dovesse sganciare le bombe nucleari. Dai Occhiuto, facci sognare, tanto a te – come al solito – non costa nulla!