Cosenza, Occhiuto manda i vigili a Del Giudice

Advertising

Sergio Del Giudice, oltre ad essere un consigliere di maggioranza, è anche il titolare di una nota edicola bar su via Roma.

L’idillio con il sindaco Occhiuto, però, è durato poco, tant’è che da qualche mese Sergio fa pienamente parte dei magnifici sei. I consiglieri che non si sono presentati in consiglio perché in rotta con Occhiuto. Quelli che Occhiuto, dietro le quinte e con i suoi fake su FB, addita come ricattatori.

Dice che lo ricattano perché ognuno dei sei vuole qualcosa: chi il figlio assunto da qualche parte, chi il rinnovo del contratto della fidanzata, chi pensava che il posto del nipote di Spagnuolo toccasse a lui, chi voleva inserita la compagna nello staff, chi vuole ritornare alla Provincia, chi vuole fare l’assessore, e cose così. E non avendoli accontentati si sono ribellati.

Iniziando uno scontro che in alcuni casi è stato anche fisico. Vedi De Cicco e l’assessore Pastore. Uno scontro che nonostante i tanti tentativi di dialogo e di mediazione sembra irrigidirsi sempre più. Non si riesce a sciogliere il nodo. E le prove di forza tra i due schieramenti si sono intensificate.

Quella di oggi è l’invio dei vigili urbani all’esercizio commerciale del consigliere Del Giudice per intimargli di togliere la tenda del suo negozio perché non conferme al regolamento urbano.

Disposizione alla quale il consigliere Del Giudice ha subito ottemperato, rimuovendo la tenda. Ma impegnandosi a verificare se ciò che oggi i vigili gli hanno intimato vale per tutti o solo per lui. Mi sa che la guerra continua.