Cosenza, piazza Scarpelli: ecco quello che Occhiuto non fa vedere ai cosentini

SERVIZIO FOTOGRAFICO DI FABRIZIO LIUZZI

Le truppe cammellate occhiutiane si preparano all’ennesima inaugurazione-truffa nei confronti della città ovvero quella di piazza Riforma, che ormai nessuno più chiama così come dovrebbe ma semplicemente “piazza Scarpelli”. Il motivo è sotto gli occhi di tutti: Occhiuto ha costruito e modellato la piazza, modificando sensibilmente anche il progetto esecutivo, per assecondare in tutto e per tutto i desiderata di “Mozzarellone”, il medico con la “fissa” del supermercato-ristorante, della movida notturna e soprattutto dell’edilizia, lasciata in mano al potentissimo cognato Giovanni Pianini che in quella piazza e sulla vicina corso Umberto fa il bello e il cattivo tempo. Ecco, questa lobby di potere vergognosa e vomitevole oggi si prepara con prepotenza ed arroganza all’appropriazione di un bene che non è più pubblico ma solo privato e per pochi intimi. Non solo: a pochi passi dal luogo dell’inaugurazione fanno pessima mostra di loro le magagne di un’amministrazione che non ha nessun senso del pudore. Guardare i marciapiedi devastati e che Occhiuto non ha neanche ritenuto di far “aggiustare” perché tanto non si “vedono”, ci restituisce l’esatta immagine di costui. E tra non molto il malcontento dilagante di residenti e commercianti verrà fuori in tutta la sua gravità.