Cosenza, radiofonia in lutto: ciao Rino, gigante buono

Il mondo della radiofonia cosentina è in lutto avendo perso uno dei suoi figli più illustri. Ieri ci ha lasciato Rino Madeo, deejay e speaker, 54 anni, in seguito all’aggravarsi di una brutta malattia, nel Policlinico Universitario di Germaneto a Catanzaro.

Madeo è stato tra i fondatori di Radio Studio 81, diventata poi Mondo Radio Stereo, una delle prime emittenti radiofoniche cosentine. E’ stato anche tra i deejay della discoteca “Lucciola Club” di Cariati Marina e la voce più importante di Radio Centrale Cariati. Successivamente ha lavorato per molti anni con Radio Sound e Antenna Bruzia, dove l’ho conosciuto e dove siamo stati insieme per tutti gli anni Novanta. Prima di dare vita nuovamente ad un fortunato progetto web con il remake di Mondo Radio.Rino per me è sempre stato il “gigante buono” (vista la sua grande stazza e la sua grande bontà d’animo), appassionato di musica e di sport (soprattutto del nostro Cosenza Calcio) e dotato di una voce potente e impostata che ha sempre lasciato il segno. Era stato tra i primi nelle radio dei Pecora (Amedeo e Carlo) ad imparare correttamente l’uso dei nuovi sofisticati mixer e le sue trasmissioni in diretta erano un “cult” (lasciavamo tutti con l’orecchio all’apparecchio come amava dire lui) per chiunque le seguiva. Rino era un “ragazzo” che faceva gruppo, trasmetteva entusiasmo e voglia di fare ed era un grandissimo professionista, lungimirante e precursore dei tempi. Ma non gli mancava mai la voglia di scherzare e mi piace ricordarlo nell’esilarante imitazione del patron di Radio Sound, con il quale aveva un rapporto speciale. Il funerale di Rino Madeo sarà celebrato domani alle 11 nella chiesa di San Nicola. Alla famiglia le condoglianze più sentite di Iacchite’.

g. c.