Cosenza, sanità “depressa”. La Finanza denuncia Mauro in procura

Raffaele Mauro
Advertising

Il cerchio si è chiuso. Stamattina alle 9,30 la Guardia di Finanza ha proceduto a depositare una notizia di reato alla procura della Repubblica di Cosenza relativa ad ipotesi di corruzione nella gestione dell’ASP di Cosenza.

I finanzieri avrebbero raccolto le prove, attraverso la visione delle delibere del direttore generale dell’ASP Raffaele Mauro, di una serie di doppi pagamenti completamente anomali.

Il cerchio si è chiuso perché nella giornata di ieri i commissari Scura e Urbani hanno inviato una lettera ufficiale al presidente della Regione Oliverio con la quale intimano la rimozione di Raffaele Mauro.

I commissari hanno attuato la procedura che era stata richiesta in Parlamento dal Movimento 5 Stelle per la grottesca vicenda della causa di servizio vinta da Mauro al Tribunale di Cosenza con la quale lo si riconosceva “depresso cronico”, salvo poi nominarlo direttore generale dopo due mesi.

Determinante la scesa in campo del vicepresidente Viscomi, che ha accelerato le operazioni di comunicazione tra i commissari e il presidente. Adesso non rimane che attendere l’ufficialità della rimozione del leggendario Faccia di plastica.