Cosenza, sanità depressa: le ultime tre “perle” di Faccia di Plastica

Raffaele Mauro, direttore generale dell'ASP di Cosenza

LE ULTIME TRE PERLE DI MAURO: PROTERVIA IMPUNITA

E’ ormai nota a tutti la superbia insolente, l’arroganza e soprattutto la sfrontatezza del direttore generale dell’Asp di Cosenza Raffaele Mauro alias Faccia di Plastica nell’adozione di atti e deliberazioni illegittimi a favore dei soliti noti e addirittura dei suoi familiari.

A seguito del provvedimento di misura cautelare degli arresti domiciliari emesso dalla procura di Cosenza nei confronti del titolare della Farmacia Verre di contrada S. Ippolito di Cosenza, l’ASP viene formalmente coinvolta nell’individuazione di un laureato in farmacia che sostituisca il titolare nella conduzione della farmacia posta in sequestro. Si tratta di un incarico molto ben remunerato (5000 euro al mese!) e il direttore Mauro non può perdere un’ulteriore ghiotta occasione: con deliberazione n. 1522 nomina Direttore Tecnico della suddetta farmacia il Dott. Carlo Bilotto. Si tratta di un farmacista laureatosi alla veneranda età di 35 anni, sconosciuto ed anonimo professionista, con un curriculum dal misero contenuto, che però nei confronti dei suoi più capaci colleghi vanta una determinante “prerogativa”: è il marito di Maria Vittoria, figlia del DG Mauro!

E’ risaputo dagli “addetti ai lavori” che le liste di attesa alle visite specialistiche siano da sempre un falso problema dettato da innumerevoli motivi e da… indicibili interessi. Anche in questo caso, Mauro non perde quest’ulteriore occasione, e, anche per buttare un po’ di fumo negli occhi dell’utenza, mette in cantiere addirittura il roboante “Progetto per il Governo delle Liste di Attesa”. Come siano state gestite finora le liste di attesa non è dato sapere, ma è evidentemente certo che Mauro ha deciso che gli utenti meritano un progetto ad hoc (?) affinché si risolva in maniera speciale un problema che invero merita solo un…corretto approccio. Mauro appronta quindi un progetto che prevede un certo numero di determinati…operatori ai quali verrà corrisposta una specifica e lauta indennità: a capo del progetto viene posta la Dottoressa Cesira Ariani, compagna del DG Mauro!

L’ultima e più fantasiosa nonché illegittima “perla” del DG Mauro riguarda il Distretto Sanitario Jonio Nord. Dopo il tentativo non riuscito di nominare l’inquisito dottore Zuccarelli quale direttore del medesimo distretto, tentativo non riuscito solo in quanto “la politica che conta” non voleva un “estraneo” bensì un “indigeno”, il DG Mauro nomina illegittimamente e ad interim addirittura il Dottor Francesco Giudiceandrea, che altri non è se non il Direttore Sanitario dell’ASP! Ma non finisce qui: Giudiceandrea, oberato di tutti i gravosi compiti che è tenuto a svolgere (praticamente nessuno se non quello di firmare tutte le delibere che Mauro gli impone), nomina a sua volta Referente del medesimo Distretto Jonio Nord la sociologa dottoressa Raffaella D’Alba che altri non è se non la moglie di Franco Pacenza, illegittimo delegato alla sanità dell’incatenando presidente Oliverio! E le perle…pardon le stelle continuano a stare a guardare!