Cosenza, tutte le determine di Occhiuto al nipote di Spagnuolo

Il nipote di Spagnuolo

Per farvi capire che quando scriviamo delle cose, prima ci documentiamo sempre, checché se ne dica, oggi vi forniamo le prove dell’evidente pastetta di cui gode Giampaolo Calabrese, il nipote del procuratore capo Mario Spagnuolo, al Comune di Cosenza.

E lo facciamo dopo aver visionato – senza andare troppo indietro nel tempo altrimenti non basterebbe un mese per scriverle tutte –  le determine attribuite negli ultimi 3 anni all’associazione Archimedia di Giampaolo Calabrese. Dal 2013 al 2015.

Come potete leggere anche voi sono ben 33. Una decina all’anno. E’ chiaro che alcune sono doppie, nel senso che una determina magari parla di acconto e l’altra di saldo. Ma restano sempre un bel po’. E dimostrano in maniera chiara e senza ombra di dubbio il totale monopolio degli eventi culturali a Cosenza da parte dell’associazione Archimedia.

E’ giusto che Calabrese lavori, ma non è giusto che mangi solo lui. Sul totale dei suoi guadagni è difficile fare un calcolo perché essendoci il trucchetto dell’associazione e della direzione artistica non sappiamo come stornare gli utili dalle spese.

Oltre ad esserci un’altra associazione, denominata “Piano B”, sempre riconducibile a lui, che incassa al pari dell’associazione Archimedia. Di sicuro possiamo parlare di affidamenti che superano i 100.000 euro all’anno. Se per voi è giusto che si accaparri tutto lui, va bene! E se questo non è un chiaro esempio di pastetta ditemi voi cos’è! E per finire specifichiamo che queste determine sono relative solo al Comune di Cosenza, e come sappiamo l’Archimedia ha avuto a che fare con tanti altri enti.

detrmine-calabrese2detrmine-calabresedetrmine-calabrese4
detrmine-calabrese3

detrmine-calabrese6