Crosia, Istituto comprensivo protagonista di “Costruiamo ponti di Pace in rete”

Advertising

“Netbridging peace” – Costruiamo ponti di pace in internet”. E’ questo il titolo di un’azione formativa, di grande spessore culturale, pianificata dall’Istituto comprensivo Crosia Mirto, guidato dal dirigente scolastico, Rachele Donnici.

Si tratta di un percorso transnazionale (Ted) per l’acquisizione, fruizione e padronanza dell’uso della lingua inglese, in quanto strumento di trasmissione verticale, orizzontale e trasversale di competenze comunicative per una nuova cittadinanza.

Un’esperienza che permette la comunicazione tra utenti di gradi scolastici, età e nazionalità diversi. E’ stato già realizzato il primo evento del percorso intorno al tema comune della pace, nell’intento di costruire e intrecciare ponti nella rete per accorciare le distanze, abbattere le barriere culturali.

Nel caso specifico sono coinvolti studenti dell’Istituto comprensivo di Crosia – Mirto, (Scuola secondaria di primo grado), seguiti dai docenti referenti Franco Ausilio e Carmela Vulcano; Rsg Regionale Scholen Gemeenshap Enkhuizen dell’Olanda; Scuola secondaria di I grado di Varsavia; Alexandra Karabajaki della Grecia; Mrs Nava Semel, scrittrice israeliana (ebrea di seconda generazione); genitori e agenzie formative, quali, Indire, Etwinning, Ufficio scolastico regionale della Calabria.

Gli alunni, i genitori, la dirigente Donnici, la rappresentanza dei docenti hanno potuto interagire via skype con la scrittrice, Nava Semel, la quale ha concesso alla professoressa Vulcano la versione in inglese di una sua raccolta di poesie per bambini ‘The courage to be afraid‘ – ‘Il coraggio di aver paura‘, della quale la stessa docente della scuola calabrese, insieme ai suoi alunni del Corso C della scuola media cittadina, provvederanno a stilare la traduzione in italiano corredata dalle domande che gli studenti rivolgeranno alla scrittrice relativamente ai testi letti e analizzati.

Inoltre, la raccolta di poesie è stata condivisa tra i partners del progetto di pace: Olanda, Grecia e Polonia; i quali provvederanno a stilare la versione di traduzione nella lingua di appartenenza. Il prodotto finito è riconsegnato e scambiato tra i vari gruppi. Difatti attraverso lo scambio di testi contestualizzati nell’argomento stabilito, gli studenti italiani, polacchi e olandesi elaboreranno i contenuti.

Tutto ciò nell’ottica dell’affermazione di cittadinanza unitaria e plurale; profonda memoria e condivisione delle radici storiche; consapevolezza di appartenere a grandi tradizioni comuni, di matrice europea che accetta, riconosce ed apprezza le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco.