Crotone, anche la Curva Sud “scarica” il tecnico Nicola

“Il Crotone si arrende anche al Napoli. E fin qui, tutto nella norma. Ma l’ottava sconfitta su nove gare rappresenta un altro buco nero della stagione dei rossoblù, sempre più una via crucis che un sogno”.

“Il Crotonese” non le manda a dire alla società e al tecnico Davide Nicola e sottolinea come anche la gente di Crotone si sia stufata dell’allenatore, che a dire il vero ormai sembra che non sappia più cosa dire per giustificare le batoste.

“Il tanto decantato esordio allo Scida – incalza “Il Crotonese” – non cambia di una virgola il film della stagione: Crotone inadeguato e incapace di fare il solletico all’avversario, e dirimpettai che vincono sul velluto. E non inganni il risultato, perché l’1-2 non spiega bene il divario abissale che separa le due squadre, manifestato in maniera fin troppo netta durante un primo tempo comandato dai partenopei, col Crotone incapace anche di mettere insieme due passaggi di fila. Neppure con l’uomo in più”.

Ieri, a prescindere dal risultato finale, doveva essere una festa, invece gli ultrà della Curva Sud Crotone, dopo aver incitato la squadra per tutti i novanta minuti, hanno respinto con i fischi il saluto dei calciatori, che come sempre a fine gara erano andati sotto il settore per salutare i loro beniamini. Un finale più amaro della sconfitta.

maurizio-sarri-davide-napoli-01E il coro “Nicola fuori dai coglioni” urlato dalla curva rossoblù rappresenta una delegittimazione nei confronti di chi è ritenuto il principale imputato dei disastri accumulati dai rossoblù. Ed in effetti il Crotone continua a recitare scena muta sia per la qualità del gioco espresso, ma soprattutto per l’atteggiamento e la cattiveria, grave mancanza per una provinciale, che proprio su questi ingredienti dovrebbe colmare il divario.

Ma il presidente Vrenna, in questi giorni, ha altro a cui pensare. Pende sulla sua famiglia un pesante giudizio di sequestro beni per centinaia di milioni di euro. Con tutto il rispetto per il calcio, è evidente che la famiglia Vrenna è in tutt’altre faccende affaccendata.