Crotone, evasione fiscale per 17 milioni: la Finanza inguaia un’azienda

Advertising

Un reddito non dichiarato, e dunque un’evasione fiscale, per circa 16,7 milioni di euro: un’azienda crotonese che commercializza prodotti petroliferi non avrebbe versato difatti imposte dirette (l’Ires) per oltre 1,4 milioni, Iva per altri 2 milioni, Irap per 5,2 milioni e, ancora, un’accisa dovuta per 8 milioni.

La Guardia di Finanza pitagorica ha chiuso una verifica fiscale nei confronti della società che commercia all’ingrosso il carburante, in particolare il gasolio agricolo sottoposto ad un regime agevolato. Secondo gli investigatori l’azienda avrebbe anche importato dall’estero olio lubrificante “SO 85” (un prodotto assimilabile al gasolio agricolo), rivendendolo poi illegalmente come carburante per autotrazione senza aver tenuto alcun impianto contabile.

In base alle indagini l’impresa avrebbe omesso la presentazione delle dichiarazioni annuali dal 2009 al 2014. I finanzieri hanno ricostruito le operazioni economiche tramite i cosiddetti controlli di “coerenza esterna” (cioè dei controlli incrociati) raccordati con i dati che sono emersi nel contesto di indagini di polizia giudiziaria. Eseguite anche indagini finanziarie che hanno portato a scoprire la rilevante evasione fiscale. Il legale rappresentante dell’azienda è stato così denunciato.