Crotone-Juventus: “Febbre bianconera”, tutto esaurito e qualche minaccia

Advertising

A Crotone è “febbre bianconera”. Alle 18 all’Ezio Scida gli squali riceveranno la visita della Juventus nella partita più attesa dell’anno.

“Crotone – fa sapere il Comune – sta registrando, a livello di strutture ricettive, il tutto esaurito. L’assessore comunale al Turismo e l’assessore alle Attività Produttive, si legge, “vogliono ringraziare quanti sono ospiti a Crotone in questi giorni presentando la città nelle sue bellezze artistiche, paesaggistiche ed enogastronomiche auspicando che la tradizionale accoglienza crotonese possa essere veicolo di ulteriori momenti di presenza in città. Gli assessori della giunta Pugliese – si legge inoltre – ringraziano il questore di Crotone per aver autorizzato la presenza del punto informativo che si inserisce nel clima di festa sportiva che sta caratterizzando l’atteso incontro sportivo”.

Oggi all’esterno dello stadio comunale “Ezio Scida”, a cura dell’Assessorato allo Sport e Turismo e dell’Assessorato alle Attività Produttive, sarà allestito uno stand per dare il benvenuto ai numerosi sportivi che arrivano da fuori regione per assistere all’incontro.

Ma, oltre a questi aspetti positivi, non manca qualche nota stonata.

Ieri sera è comparso sul cavalcavia sud di Crotone è comparso uno striscione con la scritta “Juventino calabrese stai attento al crotonese”, a poche centinaia di metri dall’albergo che ospita Buffon e compagni, e che suona quasi come una minaccia.

“… Che quella di oggi non sarà la stessa atmosfera di 11 anni fa, quando la Juventus arrivò con i suoi tanti tifosi a Crotone – scrive CrotoneNews -, si era percepito già da alcuni giorni negli ambienti del tifo organizzato crotonese. Lo zoccolo duro della Curva Sud del Crotone sembra non voler dare spazio a niente che non sia rossoblu nell’avamposto del tifo organizzato. Anche per questo il livello di attenzione delle forze dell’ordine in queste ultime ore è stato innalzato e soprattutto intorno allo stadio sono previsti numerosi presidi di polizia, carabinieri e altri corpi delle forze dell’ordine”.