Crotone, “La Rosea” annuncia: “Ti allenerà Fabio Grosso, l’eroe di Berlino”

Ma Fabio Grosso come trascorrerà il decimo anniversario del rigore di Berlino? Il video del 9 luglio 2006 lo vedrà e lo rivedrà, chissà quanti amici glielo invieranno su WhatsApp.
Ma è probabile che per Grosso quelli siano gli ultimi giorni di vacanza: lo aspetta la Serie A, lo aspetta il Sud, esattamente dieci anni dopo aver fatto Palermo-Milano (nerazzurra) solo andata.
Grosso è in pole position per essere l’allenatore del Crotone: manca ancora la firma e quindi l’ufficialità, ma l’incontro di ieri a Milano tra il club calabrese e l’allenatore vicecampione d’Italia Primavera (ha perso in finale contro la Roma, i rigori stavolta non gli hanno sorriso) ha lasciato soddisfatti entrambi.
C_29_fotogallery_1000581__ImageGallery__imageGalleryItem_21_image
Grosso piace al Crotone – altrimenti la chiamata non sarebbe neppure partita –, e il Crotone piace a Grosso, che oggi dovrà alzare il telefono, chiamare il club calabrese e dare una risposta, ma le sensazioni sono positive.
C’è anche un terzo elemento che fa pensare al lieto fine: la Juventus, che fino a giovedì dava per scontato il rinnovo (c’era anche stato un incontro tra l’ex terzino e Marotta, mancava solo la firma), è disposta a liberare Grosso, per regalargli quella che a 38 anni sarebbe l’occasione di una vita, quella di allenare per la prima volta in Serie A.
Come Gasp – Esordiente lui, esordiente il Crotone: ripercorrerebbe la strada compiuta da Gian Piero Gasperini, che nel 2003 dalla Primavera della Juventus partì per la Calabria. Dove invece non andrà Roberto De Zerbi: dopo il “no, grazie” di un altro tecnico giovane e promettente, finalista nei playoff di Lega Pro con il Foggia, i Vrenna e il d.s. Ursino hanno virato su Grosso.
Gazzetta dello Sport