Crotone, lettera aperta a Di Battista: “Siamo diventati un feudo di Morra”

Advertising

Questa è la lettera aperta che il Gruppo Attivismo 2.0 vuole inviare all’onorevole Di Battista per esprimere tutto il disappunto per quanto sta accadendo all’interno del M5S, soprattutto in Calabria.

Pietro Macrì – Attivismo 2.0 Città Nostra.

LETTERA APERTA AD ALESSANDRO DI BATTISTA DI ATTIVISMO 2.0 CITTA’ NOSTRA, gruppo storico di Crotone, cittadini attivi nel territorio crotonese.

Vorremmo chiedere il perché Alessandro Di Battista, dopo innumerevoli e-mail, messaggi e raccomandate, alle quali non ha risposto, venga domenica a Crotone per sostenere una lista M5S che ha ben poco di scelte democratiche, mancante di passione civile, con scarsa e mistificata conoscenza dei problemi crotonesi.

I membri di ATTIVISMO 2.0 sono sconcertati dal populismo dell’onorevole Di Battista, che non ha avuto in alcun conto gli appelli di liberi cittadini e che, solo ora, si ricorda, in campagna elettorale, del territorio crotonese.
La struttura organizzativa del Movimento in Calabria ha dimostrato in molte realtà, si seguire le logiche più disparate, degenerando in un feudo o in una corrente, patrocinata dal Sen. Morra.

imgresIl risultato è drammatico: giochi di potere per il potere, canali di partito e loro correnti sono sostenuti da chi avrebbe dovuto annientarli.

ATTIVISMO 2.0 chiede ai cittadini di esprimere il 5 giugno una volontà libera da condizionamenti e prende in modo diretto le distanze dal Movimento 5 Stelle crotonese, che non interpreta democraticamente le aspirazioni del popolo, bensì di un èlite, alimentando il permanere di abiti mentali vecchi e di disparità sociale, fomentando una sub-cultura con retaggi clientelari e corvèe al senatore di turno (Morra).

In Calabria, a Crotone, sotto nuove etichette e bandiere malcelate dal M5S, è mascherata un’immoralità imperante.

Onorevole Di Battista, la questione morale viene prima di tutto, è il centro del problema della politica italiana. Noi le abbiamo chiesto di intervenire nel “tragico caso del movimento Crotonese” ma lei non ha risposto. Lei adesso non è credibile, quando si chiede il voto, ci vuole consenso ed onestà politica ed intelletuale, capacità di colpire i privilegi e gli interessi di pochi.

LEI HA FALLITO E CON LEI IL MOVIMENTO!

ATTIVISMO 2.0 – città nostra