Crotone-Sassuolo: la carica di Zenga

“C’è da fare la prestazione a tutti i costi”. Walter Zenga, nel giorno del suo 58/mo compleanno, non si fa distrarre dalla festa a sorpresa organizzata nella sala stampa e, dopo aver spento le candeline, richiama alla massima attenzione sulla gara casalinga di domani contro il Sassuolo alle 12.30. Una partita ritenuta fondamentale per la corsa salvezza del Crotone e che potrebbe mettere un paletto sulla permanenza in Serie A.

“Dico che bisogna fare la prestazione a tutti i costi – aggiunge Zenga – perché il Sassuolo non perde da febbraio, viene da otto risultati utili consecutivi, ha pareggiato con il Milan, fermato il Napoli, battuto la Fiorentina. Questo la dice lunga sulla forza di questa squadra che ha grandi qualità ed un allenatore, mio carissimo amico, Beppe Iachini, molto bravo che rispetto tantissimo come persona e al quale voglio un bene assoluto. Ci vorrà una grande prestazione da parte del Crotone e noi ci siamo preparati per farla. Sarà una bella partita, da giocare intensamente fino al novantesimo”.

L’allenatore del Crotone, che ha esordito sulla panchina rossoblu l’11 dicembre con una sconfitta ad opera proprio del Sassuolo (2-1), intende spegnere i facili entusiasmi dell’ambiente anche in considerazione del fatto che il Crotone non ha mai battuto il Sassuolo in Serie A e che nelle gare giocate alle 12.30 non ha mai vinto.“Non so – dice ancora Zenga – quanti punti servono per salvarci. Non voglio pensare ad altro che non sia adesso. Per noi le partite sono tutte importanti. Può sembrare una banalità, ma è così. Guarderò agli altri risultati è chiaro, ma penso principalmente a noi. Dobbiamo stare concentrati su quello che abbiamo fatto stamattina e su come dobbiamo giocare domenica. La squadra si è sempre comportata nella stessa maniera anche nei momenti difficili, anche quando sembrava che tutto fosse un disastro e si è sempre allenata con grande determinazione.

La continuità del lavoro dà il risultato ed oggi siamo consapevoli del fatto che abbiamo delle possibilità e che ce le dobbiamo giocare bene. A disposizione ho calciatori che hanno caratteristiche differenti e possono dare una mano in qualsiasi momento della partita. Lo spirito giusto è quello che ha detto Simy: non importa che faccia gol lui, l’importante è la salvezza. E’ questa la filosofia da perseguire”.